Il concorso di idee 'Nuovo Spazio' di Confcommercio ha un vincitore: è Giuliano Valeri di Roma

Il vincitore con gli altri partecipanti
Il vincitore con gli altri partecipanti

Ha immaginato una sede dinamica, flessibile ed ecocompatibile, con un “cuore” al suo interno. L'iniziativa era stata ideata per riprogettare i locali di Palazzo Apollo


Giunge alla fase finale il concorso “Nuovo Spazio”, indetto l'estate scorsa da Confcommercio Pistoia e rivolto ad architetti, ingegneri e arredatori. A 25 anni di distanza dall’inaugurazione della sede provinciale di viale Adua 128, infatti, l’associazione ha deciso di emanare un bando apposito allo scopo di raccogliere idee e proposte per una riorganizzazione degli spazi capace di garantire una migliore fruibilità per associati e dipendenti.

Proprio dall’esigenza di mettere a disposizione degli associati uffici che rispondano alle loro esigenze - anche in base alle indicazioni emerse dall’ultima indagine di customer satisfation presso gli imprenditori che usufruiscono dei nostri servizi - è nata l’idea di un concorso di idee da cui trarre spunti interessanti e all’avanguardia per ottimizzare l’uso degli spazi disponibili, garantire una corretta erogazione dei servizi e porre in atto politiche di risparmio energetico. Il regolamento del concorso, realizzato in collaborazione con l’Ordine degli architetti di Pistoia e grazie al contributo di Cassa di risparmio di Pistoia e della Lucchesia con il patrocinio del Comune, inoltre, prevedeva alcuni elementi volti a dare priorità soprattutto ai giovani professionisti. Con tale iniziativa l'associazione ha dunque fatto proprio un metodo, molto diffuso all’estero, utile per la valorizzazione del merito e dell'innovazione.

Il progetto più innovativo e rispondente ai requisiti del regolamento secondo la commissione giudicatrice (formata da due membri di Confcommercio, uno dell'Ordine degli architetti, da un architetto dell'Università di Firenze e da un ingegnere) è stato quello di Giuliano Valeri iscritto all’Ordine degli architetti di Roma: il suo progetto di ristrutturazione delle sede prevede un generale riassetto delle aree e suggerisce un uso dello spazio razionale e al contempo creativo.

Attraverso questo intervento di riqualificazione e funzionalizzazione, l’ufficio diviene un modello organizzativo dinamico, flessibile, capace di riflettere negli spazi l’organizzazione del lavoro: l'intero progetto sembra cioè ispirato alla convinzione che il luogo di lavoro è di per sé determinante per lo stimolo delle idee e per potenziare le capacità innovative della rete di relazioni di un gruppo.

Elemento caratterizzante della proposta di Valeri è la creazione di un luogo di forte identità nella parte più interna della struttura: si tratta di una zona coperta e vetrata, più alta degli spazi circostanti e in contatto visivo con gli spazi open space, la quale costituisce una sorta di “cuore” all'interno della sede. L’intervento si caratterizza inoltre per la grande attenzione al tema della sostenibilità, manifestata attraverso l’uso di sistemi per il risparmio energetico e di materiali ecocompatibili.

Laura Negri e Daniela Chiesi (Ordine degli ingegneri di Firenze e Ordine degli architetti di Firenze)

Enrico Folesani (Ordine Architetti Firenze). Collaboratori: Claudia Marini

Rachele Guccini e Federico Orsi (Ordine degli architetti di Pistoia)

Caterina Giusti e Alberto Forconi (Ordine degli architetti di Pistoia e Ordine degli ingegneri di Ancona)

Andrea Dami (Ordine degli architetti di Pistoia). Collaboratori: Tommaso Clementi, Giulia Cappelli, Carolina Boccardi

Il primo classificato ha ricevuto in premio un a somma pari a 2.000 euro, mentre agli altri cinque finalisti sono stati consegnati assegni da 500 euro. Tutti i premi sono stati messi a disposizione dalla Cassa di risparmio di Pistoia e della Lucchesia che attraverso questa collaborazione dimostra di saper individuare le iniziative meritevoli di attenzione assolvendo così al proprio ruolo di banca del territorio.

La partecipazione al concorso era gratuita e aperta ad architetti, ingegneri e designer.

Confcommercio Pistoia esprime soddisfazione per la qualità delle proposte pervenute (oltre 20 nel complesso) e in particolare per la carica innovativa e creativa dei primi sei classificati.

L'iniziativa si è rilevata estremamente positiva in quanto ha fornito spunti preziosi e idee per una futura ristrutturazione della sede di Palazzo Apollo che potrà avvalersi anche di alcune idee proposte in altri progetti nell’ottica di creare spazi, più funzionali e garantire ai soci una maggiore efficienza nei servizi erogati non più possibile con una sede progettata e realizzata oltre 25 anni fa e su cui non sono stati fatti, negli anni, interventi particolari di ristrutturazione e ammodernamento.

Fondamentale anche il ruolo dell’Ordine degli architetti di Pistoia, che ha messo a disposizione competenza, professionalità e supporto tecnico per la redazione del bando. La concessione da parte del Comune di Pistoia del patrocinio all'iniziativa costituisce, infine, un importante segnale di attenzione e condivisione verso questa tipologia di iniziative da parte dell’amministrazione.

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina