Difesa del Suolo, dal Consorzio oltre 30 interventi programmati

Lavori di bonifica (foto d'archivio)
Lavori di bonifica (foto d'archivio)

Oltre 30 interventi per un totale di oltre 3 milioni di euro da investire nei territori del comprensorio. E’ quanto il Consorzio 2 Alto Valdarno ha presentato alla Regione Toscana per il  Documento Annuale per la Difesa del Suolo (DADS) 2015. Un programma che rispecchia e raccoglie le esigenze dei territori e che vede il Consorzio operare in stretta collaborazione con le amministrazioni comunali interessate, e i propri rappresentanti territoriale. «Gli interventi richiesti sono frutto di una ricognizione fatta dal Consorzio con tutte le amministrazioni comunali del Comprensorio – spiega il presidente del Consorzio, Paolo Tamburini - attraverso incontri con i sindaci e le Unioni dei Comuni; una sorta di audit che ha visto il generale riconoscimento del Consorzio quale punto di riferimento nella difesa idraulica ed idrogeologica, oltre che della manutenzione ordinaria del reticolo idrico».

La predisposizione delle richieste è stato il frutto di una vera collaborazione sinergica tra tutte le strutture del Comprensorio Alto Valdarno mettendo a punto una serie di interventi organici di manutenzione straordinaria, studi progettuali di area e progettazione di nuove opere di bonifica volte alla difesa idrogeologica dell’intero comprensorio. Per meglio comprendere ciò di cui si parla tra i tanti progetti in programma, a titolo meramente esemplificativo, possiamo citare il Piano d’Indagine e studi sull’asta del fiume Arno nel territorio del Casentino e Valdarno Superiore per strutturare un progetto straordinario di intervento di sistemazione delle sponde e della vegetazione riparia su tutto il tratto comprensoriale del fiume. «Come rappresentante di questo Consorzio – continua Tamburini – sono davvero contento di aver riscontrato una grande capacità di elaborazione e di progettazione da parte delle strutture tecniche dei vari enti; sono certo infatti che solo una squadra capace di collaborare sinergicamente e distribuita nel territorio possa dare risultati importanti per dare le dovute garanzie di sicurezza e tranquillità ai cittadini».

In tutto il documento prevede 34 richieste di interventi spalmati sulle tre Provincie del comprensorio 2, Arezzo, Siena e Firenze, per un totale di oltre 3,2 milioni di euro, per i quali sono stati richiesti i relativi finanziamenti alla Regione. «Questi progetti costituiscono un quadro organico per mettere in sicurezza il territorio del comprensorio consortile – conclude Paolo Tamburini - e rappresentano una vera e propria politica territoriale ed una visione strategica d’intervento in materia di difesa del suolo».

Pertanto il Consorzio, che anche in quest’occasione ha saputo dimostrare efficienza, capacità di spesa e di intervento, auspica che la Regione raccolga questo sforzo e questa “sfida del fare”, anche alla luce del fatto che le risorse giunte negli anni scorsi in questo territorio, rispetto al resto della Regione, sono state pochissime, se non quasi residuali.

L'elenco degli interventi programmati

Fonte: Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno

Tutte le notizie di Valdarno Superiore

<< Indietro
torna a inizio pagina