Biblioteca universitaria di Pisa, Sì del Consiglio regionale alla riapertura veloce

Alessandra Nardini (foto gonews.it)
Alessandra Nardini (foto gonews.it)

In seconda commissione approvato a maggioranza l’atto di iniziativa Pd, prima firmataria la consigliera Alessandra Nardini


Sì a maggioranza alla mozione sulle prospettive di riapertura al pubblico della biblioteca universitaria di Pisa. L’atto è stato presentato, questa mattina, da Alessandra Nardini (Pd), prima firmataria, in commissione Sviluppo economico e rurale, cultura, istruzione e formazione, presieduta da Gianni Anselmi (Pd).

“Si tratta – ha detto Nardini – di una realtà essenziale per la città di Pisa e di una ricchezza non solo per il nostro territorio ma riconosciuta anche a livello nazionale, di un punto di riferimento per studenti, ricercatori e studiosi in virtù di un patrimonio cartaceo di circa 600mila volumi e di oltre duemila riviste”. Nardini ha ricordato che la gestione della biblioteca è di competenza del Ministero dei beni culturali e del turismo, mentre la competenza sul palazzo La Sapienza attiene all’ateneo. Per questo, “nella mozione – ha spiegato Nardini – si auspica una sinergia virtuosa tra il Ministero e l’Ateneo. Vogliamo spronare il Ministero a far sì che una realtà così importante per la città di Pisa sia di nuovo riaperta al pubblico e fruibile a tutti gli studenti e i ricercatori nei tempi più brevi possibili. Quindi sollecitiamo la Giunta affinché si faccia portavoce con il Ministero di questa necessità”.

L’atto è stato sottoscritto anche dai consiglieri regionali Pd Antonio Mazzeo, Andrea Pieroni, Leonardo Marras, Francesco Gazzetti, Marco Niccolai e Gianni Anselmi ed è stato approvato con i voti favorevoli di Pd, Forza Italia, M5S e l’astensione di Lega Nord.

Nella mozione, si impegna la Giunta ad attivarsi nei riguardi del Ministero dei beni culturali e del turismo affinché sia sollecitato a procedere quanto prima a dare attuazione agli interventi necessari per il ripristino dell’accessibilità e della fruibilità dei locali e del patrimonio culturale della biblioteca universitaria. Si impegna poi la Giunta a sollecitare anche l’Università di Pisa a dare supporto e sostegno alle richieste del Ministero al fine di riaprire la biblioteca in modo contestuale al resto del palazzo del palazzo La Sapienza.

La vicepresidente Irene Galletti (M5S), esprimendo voto favorevole all’atto e per ribadire la necessità del ripristino dei locali, ha ricordato un sopralluogo fatto nella biblioteca a seguito di piogge violente che avevano danneggiato alcuni volumi.

Nardini: “Patrimonio inestimabile”

“L’Università di Pisa, insieme alla Scuola Normale Superiore e alla Scuola Superiore Sant’Anna, sono presidio d’eccellenza a livello nazionale e internazionale. La macchina della conoscenza e della cultura, a Pisa, attrae ricercatori e studiosi da tutto il mondo, e quindi riteniamo doveroso e urgente che il recupero e la  riqualificazione funzionale della Biblioteca Universitaria, fulcro culturale dell’intero sistema universitario cittadino, avvenga quanto prima. Con questa mozione, pertanto, chiediamo che  anche la Regione Toscana  faccia la propria parte, sollecitando il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in relazione alle proprie competenze, a dare attuazione agli interventi necessari e l’Università di Pisa affinché lo supporti in questo. Obiettivo di tutti deve essere quello di riaprire, finalmente, questa realtà di grandissimo valore per il sapere della nostra regione e non solo”. Così Alessandra Nardini, consigliera Regionale Pd, illustrando questa mattina in Commissione la mozione In merito alle prospettive di riapertura al pubblico della Biblioteca Universitaria di Pisa”sottoscritta anche dai Consiglieri pisani Pd Antonio Mazzeo Andrea Pieroni e dai colleghi  Leonardo Marras,Gianni AnselmiFrancesco Gazzetti e Marco Niccolai.

“La Biblioteca Universitaria di Pisa conta un capitale cartaceo di circa 600.000 volumi, comprensivi di numerose “cinquecentine” ed oltre 2000 riviste di varia natura – continua Nardini –  È di questi giorni la notizia dello spostamento dei volumi a Lucca, un trasloco, peraltro, da quanto leggiamo sui giornali, ancora in corso, che quindi ci fa temere tempi ancora lunghi per l’intera operazione di riapertura.  Ovviamente vogliamo che, in questa fase,  sia tutelato e messo in sicurezza il patrimonio di volumi, ma auspichiamo che quanto prima possa tornare a Pisa e sia accessibile e fruibile all’utenza. La nostra città vanta un ecosistema del sapere invidiabile, difficilmente paragonabile nel resto del Paese, per la qualità della formazione e per l’intero indotto socio economico che è riuscita a creare negli anni. Il fatto che, ancora,  non si riesca ad avere certezze sui tempi per la riapertura della Biblioteca Universitaria appare come una nota stonata.  Occorre quindi un forte impegno da parte di tutti noi, istituzioni e soggetti coinvolti,  per questo ci uniamo all’appello di chi vuol far tornare a vivere, e al più presto, questo straordinario luogo di ricerca e di conoscenza – conclude Nardini– Con questo atto chiediamo anche alla Regione, da sempre attenta e sensibile a questi temi, di essere  protagonista nella ricerca di sinergie che sfocino in un esito positivo: di fronte alla più preziosa delle ricchezze che l’uomo ha creato, la conoscenza, non possiamo che rimboccarci le maniche e fare di tutto per renderla fruibile nel contesto che merita”.

Fonte: Consiglio regionale della Toscana

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro



loading...

torna a inizio pagina