False fatture, scattano quattro ordinanze cautelari per l'ipotesi di bancarotta fraudolenta

guardia_di_finanza_notte_01

Questa mattina la guardia di finanza di Firenze ha eseguito l'ordinanza cautelare emessa dal Gip, dal magistrato Paola Belsito, nei confronti dei quattro soggetti fiorentini per l'ipotesi del reato di concorso in bancarotta fraudolenta. Si tratta dei fratelli G.R. di 52 anni e P.R. 55 anni, M.D. 49 anni, e A.L., 52 anni.

Il provvedimento trae origine dall'indagine delle Fiamme Gialle fiorentine che ha fatto emergere la sottrazione indebita e la sistematica appropriazione del patrimonio di una pizzeria. Da parte dei due commercialisti G.R. e P.R.. Il sistema vedeva i soggetti trasferire il patrimonio da un'azienda all'altra per non pagare i debiti col fisco.

Nel dettaglio, le indagini dei Finanzieri hanno messo in luce che le società coinvolte nei vari passaggi commerciali sono tutte aziende riconducibili agli arrestati, i quali hanno di fatto gestito con continuità l’attività di pizzeria, impossessandosi indebitamente dei relativi incassi ai danni dell’erario.

Il trasferimento dei beni aziendali da una società all’altra avveniva a un prezzo irrisorio, lasciando in carico i debiti erariali che ammontano in tutto a oltre € 800.000. Oltre all'esecuzione del provvedimento sono state eseguite anche diverse perquisizioni locali e personali.

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina