Moda, tornano gli argenti di Brandimarte

firenze_brandimarte_argenti

Cashmere martellato, gioielli con quarzi colorati con bracciali che si ispirano al movimento dei pianeti nell’Universo, il ritorno delle storiche medaglie del ‘Brandi’ ed ancora il progetto della fragranza ‘Lo scrigno’ dove protagonista unico è il limone, elemento iconico da sempre presente nelle collezioni del marchio.

Si presenta con queste novità Brandimarte, la storica azienda argentiera fiorentina che oggi, venerdì 3 marzo, è rinata ed è stata presentata a Palazzo Vecchio. Protagonista della rinascita Bianca Guscelli, terza generazione, figlia di Stefano e nipote di Brandimarte Guscelli. La 27enne si pone come obiettivo quello di riportare all’uso quotidiano l’argento.

Il marchio Brandimarte, nel 2016, è stato comprato dall’imprenditore e titolare di Remax Rinascimento Stefano Marchetti, compagno di Bianca Guscelli. “I prodotti che fanno parte dell’innovazione – ha spiegato Bianca Guscelli – comprendono gioielleria in argento con quarzi, una collezione di prodotti in cashmere e lo ‘scrigno fragranza’ che coniuga tre istituzioni fiorentine: la Moleria Locchi per il decanter in cristallo, Aquaflor per la fragranza e Brandimarte per l’accessorio”.

Saranno proposte, inoltre, una serie di medaglie storiche realizzate dal fondatore negli anni ’70, raffiguranti grandi personaggi fiorentini e non solo. Ed ancora grande attenzione all’argenteria da tavola. Mantenuta la lavorazione artigianale dei prodotti nel territorio toscano.

“E’ una giornata importante perchè abbiamo celebrato la rinascita di un marchio a cui tutta la città era affezionata ed in special modo il quartiere dell’Oltrarno che storicamente è il quartiere degli artigiani e dove si è sviluppato questo tessuto sociale ed economico che ha reso Firenze nota in tutto il mondo per le loro creazioni”, ha evidenziato l’assessore comunale Cecilia Del Re. Del Re ha inoltre annunciato che nel bilancio preventivo di quest’anno sono state previste “delle agevolazioni Imu per i proprietari che riaprono i bandoni chiusi e li mettono a disposizione di start up giovanili quindi ci appelliamo alla creatività ed all’imprenditoria dei giovani anche per rilanciare il commercio della città in zone che hanno particolarmente bisogno”.

Fonte: Ansa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro



loading...



torna a inizio pagina