L’accoglienza oltre l’emergenza: i migranti nuovi cittadini per lo sviluppo del territorio

San Gimignano
San Gimignano

Sabato 8 aprile, dalle ore 9 alle ore 17, CILAP EAPN Italia e Differenze Culturali e Nonviolenza, con il patrocinio del Comune di San Gimignano e della regione Toscana promuovono un incontro per ascoltare e apprendere come si fa accoglienza da chi opera con e per i migranti, mettendo le esperienze a confronto su come sconfiggere la paura dell’altro e favorire percorsi di inclusione sociale con i cittadini.

“I migranti che arrivano sulle nostre coste, e sono accolti nei centri di accoglienza, sono straordinari se decidono di restare nel nostro Paese, hanno davanti un periodo di tempo, lungo anche due anni, prima di sapere se sarà loro riconosciuta la protezione internazionale come richiedente asilo. Questa attesa non è vana, è un periodo di formazione per l’apprendimento della lingua italiana, per la conoscenza della cultura e delle norme che regolano i diritti/doveri di tutti coloro che si trovano sul nostro territorio, per la costruzione di un processo di integrazione. Può anche essere un periodo in cui si apprendono e si sperimentano le conoscenze per lavori per noi tradizionali ma forse non conosciuti nei Paesi di origine dei migranti”.

I migranti sono potenziali nuovi cittadini italiani ed europei, spetta alle associazioni che fanno parte della “filiera dell’accoglienza” pensarli come persone da formare per inserirli nelle nostre comunità e sul nostro territorio, e le risorse spese considerarle come investimenti per e con nuovi cittadini. Nella prima parte dell’incontro interverranno: Maria Assunta Lucii - Differenze Culturali e Nonviolenza, Letizia Cesarini Sforza – CILAP, Gilberto Pelosi - Social Platform - piattaforma delle ONG sociali europee. Seguirà la Tavola Rotonda “Dall’emergenza all’inserimento: nuovi modelli di lotta alla povertà e di sviluppo del territorio” con Giacomo Bassi, Sindaco di San Gimignano; Armando Gradone, Prefetto di Siena; Alessio Spinelli, Sindaco di Fucecchio delegato; circondario Empolese-Valdelsa; Michele Pezza, Confindustria Firenze Presidente Sez.; Territoriale Empolese Val d'Elsa, e Roberta di Pasquale – ARCI Siena.

Dopo il pranzo sull’aia del CAS di San Gimignano “Il Cortino”, ci sarà l’apertura della mostra fotografica ”METLUNA- come noi” presso la SALA di CULTURA, via San Giovanni, 36/38 (la mostra resterà aperta dal giorno 8 al giorno 18 aprile) La partecipazione è aperta. Facciamo appello alla cittadinanza, agli enti che operano nei centri di accoglienza, ai servizi sociali e sanitari, alle scuole e agli enti formativi, agli operatori sociali, agli educatori, ricercatori universitari, operatori del terzo settore, alle famiglie e a tutti coloro che hanno esperienza diretta di lavoro con i migranti, di partecipare a questo spazio di incontro e di conoscenza reciproca. Il CILAP EAPN Italia è la sezione italiana di European Anti-Poverty Network (EAPN).

Fondato nel 1992, ha per finalità la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale attraverso interventi sul territorio, studi, ricerche, formazione, la partecipazione e la presa di parola delle persone in povertà. La rete europea EAPN ha costituito un gruppo di lavoro sul tema dell’immigrazione per conoscere e diffondere le buone pratiche sull’immigrazione.

EAPN è membro di Social Platform (organizzazione di 47 ONG europee). L’associazione Differenze Culturali e Nonviolenza, aderente al Cilap Eapn Italia, costituitasi nel 1996, opera in Toscana anche nel settore dell’immigrazione con la gestione di Centri di Accoglienza Straordinari a Certaldo e a San Gimignano. Un proprio delegato rappresenta l’Italia nel gruppo di lavoro di EAPN sul tema dell’immigrazione. L’associazione Differenze Culturali e Nonviolenza si occupa dell'organizzazione tecnica dell'evento.

Fonte: Ufficio Stampa Cilap

Tutte le notizie di San Gimignano

<< Indietro
torna a inizio pagina