Premio Terra di Semifonte. Tre associazioni virtuose premiate per il loro impegno civico

Premio terra di Semifonte

Nella terra di Semifonte sostenere le fragilità e agire per il bene della collettività attraverso l'integrazione, la cultura e la promozione turistica è una vocazione da premiare. Il Comune di Barberino Val d'Elsa ha fatto salire sul palcoscenico dell'impegno civico le associazioni Auser Volontariato Insieme Tavarnelle e Barberino, Ci Incontriamo e Compagnia di Monsanto. Sono le tre realtà che da anni operano a favore delle famiglie di Barberino e Tavarnelle selezionate e riconosciute nell'ambito del Premio Terra di Semifonte. Una festa di comunità, allestita nella sala del Consiglio comunale, ha accolto il presidente Paolo Pandolfi e i numerosi volontari Auser, il presidente Anna Stefani, Marta Degl'Innocenti e i ragazzi diversamente abili dell'associazione Ci Incontriamo e Paolo Lazzerini della Compagnia di Monsanto. “Alla terza edizione del premio riconosciamo il valore di alcuni cittadini virtuosi – dice il sindaco Giacomo Trentanovi – che con il loro lavoro assiduo e appassionato migliorano non solo la propria condizione ma quella della comunità, le attività e gli interventi di queste tre realtà sono azioni di cui beneficia tutto il territorio”.

Con i suoi 265 soci di cui 40 volontari e venti anni di attività l'Associazione Auser continua a costruire opportunità aggregative e formative di alta qualità. “L'Auser è un motore sociale di grande vitalità, una risorsa preziosissima che mette insieme le persone, oltre a supportare le fasce deboli della popolazione – aggiunge il sindaco David Baroncelli che ha consegnato la pergamena al presidente Pandolfi - tante e partecipate le iniziative messe in piedi dai volontari come le Vacanze per gli anziani, le visite guidate alla riscoperta di musei e siti archeologici, i Pomeriggi al Circolo e il Corso di alfabetizzazione digitale, organizzato nelle scuole grazie all’aiuto degli allievi dell’Istituto Comprensivo Don Milani”.

Ci Incontriamo è stata premiata dall'assessore alle Politiche sociali Giulia Casamonti che ha evidenziato “il ruolo dell'integrazione e la capacità da parte dell'associazione di ridurre il disagio della disabilità attraverso il gioco, il contatto con le persone nella vita quotidiana”. “Il Premio vuol essere un riconoscimento ai genitori – ha detto - ai volontari e agli operatori, una quindicina di giovani del territorio, che ogni giorno affrontano con slancio e professionalità una tematica così importante”. La Compagnia di Monsanto ha ricevuto il riconoscimento dal consigliere comunale e membro della commissione del premio Emanuele Sbaragli. “Il lavoro svolto negli anni dall’associazione – ha concluso il consigliere comunale - in ambito culturale, educativo, ambientale e di promozione territoriale ha portato al coinvolgimento dei giovani in attività teatrali mantenendo vive le tradizioni del vernacolo fiorentino”. Di successo le iniziative corali “La Gastronomarcia” e l’evento “Calici d’arte” che hanno permesso di accentuare le risorse paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio chiantigiano e valdelsano. All'iniziativa hanno preso parte anche gli assessori Cristina Pratesi, Giannino Pastori e Silvano Bandinelli di Barberino e il vicesindaco di Tavarnelle Davide Venturini, il presidente del Consiglio comunale di Tavarnelle Alberto Marini e il luogotenente Giuseppe Cantarero.

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Barberino Val d'Elsa

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina