Previsioni meteo a medio termine 22 aprile – 30 aprile

Un cordiale saluto a Tutti!

La fredda sferzata delle ultime 72 ore si ritrova ad avere i minuti contati, delineando per i prossimi 7-10 giorni, la ripresa del cammino primaverile sotto gli auspici della normalità stagionale, tra temporanee rimonte anticicloniche ed il ritorno delle perturbazioni quelle vere, a scorrere lungo la nostra penisola.

23 aprile

Iniziamo dal meteo del fine settimana entrante, con la massa fredda che da martedì inviava a più riprese i suoi refoli artici sulla nostra regione, in lento e progressivo allontanamento verso i Balcani. In sostituzione, l’anticiclone delle Azzorre tenterà nella giornata di domani di proteggerci, regalandoci oltre al cielo sereno, un primo addolcimento delle temperature, ma lo scorrimento verso nord-est di una componente di aria artico-marittima, ripristinerà nella giornata di domenica il ritorno delle nubi. La linea di demarcazione tra il fragile dominio anticiclonico ed il flusso depressionario in avanzata verso l’Europa orientale, si troverà oltre i confini della nostra regione, inibendo quindi alle precipitazioni di raggiungerci. Una domenica quindi dal cielo nuvoloso, ma senza fenomeni, che favorirà un ulteriore aumento delle temperature minime, complice la copertura del cielo, ad impedire una residuale escursione termica.

120

Passato questo blando disturbo tra lunedì 24 e martedì 25 aprile, l’anticiclone mediterraneo tenterà di nuovo un rialzo dei geopotenziali anche sulla Toscana, riuscendoci nella giornata di lunedì, per poi cedere progressivamente spazio, dal pomeriggio di martedì, alle prime nubi da ovest, collegate ad un profondo vortice depressionario in discesa dal Regno Unito.

192

Per entrare nel vivo del primo vero peggioramento, dopo oltre un mese dal precedente, dovremo attendere la giornata di mercoledì, quando i modelli prevedono un entrata netta del vortice sul centro-nord della penisola, con annessi fenomeni che al momento promettono accumuli moderati. Ovviamente la distanza che ci separa dall’evento obbliga prudenza, ma ad avvallare l’importanza del cambio barico in questione avremo anche un importante blocco anticiclonico sul Mar Nero, che obbligherà per alcuni giorni il minimo barico in formazione, a sostare lungo la nostra penisola.

240

Una ferita lenta a rimarginarsi e che potrebbe aprire scenari a lungo termine ancora instabili, visto che il mese di aprile si andrà chiudendo in un contesto da lacuna barica sulla penisola, con l’anticiclone delle Azzorre lontano dalla Toscana, il blocco anticiclonico ad est ancora ben arroccato ed una nuova depressione sempre proveniente dal Regno Unito, potrebbe già essere in viaggio per raggiungerci nei primi giorni del mese di maggio.

Schermata 2017-04-21 alle 00.04.01

Le temperature dopo il violento calo di questi ultimi giorni risaliranno gradualmente, rientrando e mantenendosi entro le medie del periodo già da domenica. I venti vireranno verso occidente già a partire da domani, per poi mantenersi da ovest-sud-ovest per buona parte del periodo.

 


loading...