Prove di Protezione Civile per i bambini di Montelupo: simulato il livello di guardia della Pesa

prove_protezione_civile_montelupo_fiorentino_simulazione_scuola_2017_04_21

Prove di protezione civile: tutti promossi. Questa mattina si è tenuta a Montelupo la prima esercitazione di protezione civile che ha coinvolto le scuole del territorio, dopo l’approvazione del Piano di protezione civile dell’Unione.

L’obiettivo è quello di attivare in maniera operativa tutti i soggetti coinvolti nella parte riguardante Montelupo del  piano di protezione civile, verificare le modalità di comunicazione e il sistema di allerta fra area territoriale, comune e scuola.

Lo scenario simulato è quello statisticamente più probabile per il territorio di Montelupo, cioè il raggiungimento dell’ultimo livello di guardia del torrente Pesa a causa di piogge improvvise e copiose, che determinano l’innalzamento dell’acqua in poche ore.

Secondo la simulazione, forti piogge causano allagamenti dovuti al rigurgito del reticolo idrografico secondario, in particolare il superamento del 2° livello di guardia (ml. 3,00) del Torrente Pesa all’idrometro di Turbone. Tale situazione impone l’evacuazione della scuola materna Rodari di Graziani.

Le operazioni hanno avuto inizio circa alle ore 9.00 e poco prima delle 10.00 gli scuolabus erano davanti alla scuola materna per effettuare l’evacuazione del plesso. In meno di 30 minuti tutti i bambini sono stati trasportati presso la scuola Margherita Hack, individuata come punto di raccolta in caso di eventi analoghi.

Ai genitori sono stati inviati due SMS dal sistema di allerta del Circondario. Il primo riportava il seguente testo “ESERCITAZIONE ALLUVIONE “Si comunica che per sicurezza i bambini sono stati trasferiti alla scuola di Via del Parco”; con il secondo sono stati avvisati che tutto è avvenuto correttamente e che gli alunni sono stati trasportati nuovamente a scuola.

Si è trattata di “un’esercitazione al buio”, ovvero nessuno ne era informato fatta eccezione dei tecnici che l’hanno organizzata, del sindaco e della dirigente scolastica.

Personale scolastico, insegnanti, bambini, ma anche gli autisti degli scuolabus sono stati coinvolti come accadrebbe se ci fosse un’emergenza reale.

Tutte le operazioni, attuate in collaborazione alla sala operativa dell’Empolese – Valdelsa, coordinata dalla comandante Annalisa Maritan,  si sono svolte in poco tempo e per ai bambini è stato presentato come un gioco, alla fine del quale hanno ricevuto anche un adesivo di ricordo.

Questa operazione ha permesso di verificare la risposta del personale, l’adeguatezza dei canali di comunicazione, i tempi tecnici di attuazione dell’evacuazione ed eventuali problematiche che si posso presentare. Un altro aspetto importante da testare è il funzionamento del canale SMS per avvisare i genitori.

«L’esercitazione di questa mattina è stata un test utilissimo per capire gli aspetti che funzionano e quelli da migliorare in caso di emergenza, ma è ancor di più un’occasione di sensibilizzazione dei nostri piccoli cittadini e delle loro famiglie rispetto al tema della sicurezza in caso di emergenza. – afferma il sindaco Paolo Masetti – Si parla spesso di “resilienza” che è la capacità dei cittadini a rispondere in maniera consapevole agli eventi, vogliamo promuovere tale atteggiamento nella popolazione anche attraverso azioni come quelle di stamani. La strada giusta è proprio quella di organizzare attività che impegnino e coinvolgano sempre di più la società civile.  I bambini, vista anche la loro età, hanno vissuto tutto come un gioco.

Desidero ringraziare tutti i soggetti coinvolti, che hanno dimostrato la massima disponibilità  e in particolare  coloro che hanno coordinato l’attività Gianni Vinci e Ilaria Staonuovo e la dirigente e il personale scolastico».

Fonte: Comune di Montelupo Fiorentino – Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Montelupo Fiorentino

<< Indietro



loading...




torna a inizio pagina