Canapisa, Confcommercio: "Pisa paralizzata, affari in fumo. I ristoratori volevano restare chiusi"

daniela petraglia

La tentazione di chiudere ristoranti e locali è forte, ma alla fine resteremo aperti per garantire il servizio ai turisti e cittadini presenti. Daniela Petraglia, presidente di ConfRistoranti interviene su Canapisa, in programma domani per le vie del centro storico: “Fermo restando la libertà di manifestare a pagare per tutti saremo noi imprenditori, perchè questa manifestazione, che si svolge solo a Pisa, renderà quasi impossibile raggiungere le attività commerciali e i locali del centro. Non nascondo che la tentazione di molti di noi era quella di restare chiusi, ma alla fine ha prevalso la volontà di garantire comunque accoglienza e servizio a turisti e clienti che riusciranno a venire”.

“Insomma, Pisa sarà completamente paralizzata, in un giorno di sabato, dove la prospettiva economica è più interessante. In compenso ”– prosegue la presidente dei ristoratori di Confcommercio Pisa – con “l'ordinanza che vieta la vendita per asporto di bevande alcoliche i venditori abusivi di alcolici godranno di una libertà totale. Tra l'altro, proprio domani è in programma a Pisa un importante convegno medico che porterà in città primari e professori. Non voglio pensare ai disagi che avranno e all'immagine che porteranno con se della nostra città”.

Conferma queste parole Mario Faugno, Responsabile del Palazzo dei Congressi di Pisa: “Domani ospiteremo un congresso nazionale di oltre 400 primari e professori urologhi riuniti qui a Pisa. Penso solo alle difficoltà di traffico nello spostarsi in una città completamente bloccata dal corteo, e non voglio considerare lo spettacolo a cui assisteranno. Non si riesce a capire perché questa manifestazione non sia possibile decentrarlo altrove”.

Fonte: Confcommercio - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina