Previsioni meteo a medio termine 9 agosto – 17 agosto

Un cordiale saluto a Tutti!

La seconda parte della settimana, vedrà la discesa di aria più fresca e instabile, da un centro depressionario posizionato sull’Europa settentrionale, responsabile dell’isolamento sulla nostra penisola, di una goccia fredda in quota, che apporterà un deciso calo delle temperature, e qualche temporale sparso, tra la giornata di giovedì e quella di venerdì. A seguire sarà l’anticiclone delle Azzorre a traghettarci almeno fino a Ferragosto, anche se la componente africana, più calda ed umida, potrebbe ripresentarsi ancora una volta, oltre il giro di boa mensile.

120

Apriamo con questa interessante novità, ovvero l’inserimento nelle prime ore della giornata di giovedì di un fronte depressionario sull’Italia settentrionale, il quale spalleggiato ad ovest da una estensione dell’anticiclone delle Azzorre verso i Pirenei, permetterà di allontanare il poderoso anticiclone africano, che da settimane domina indisturbato sul Mediterraneo. Al momento i modelli, ci vanno confermando una fase più instabile, attenzione non perturbata, con temporali sparsi che nelle prime ore di giovedì colpirebbero l’Alta Toscana e le zone settentrionali, per poi nel pomeriggio spostarsi verso le zone centrali della regione ed interessare anche le zone interne. Fenomeni che al momento non desterebbero preoccupazione dal punto di vista degli accumuli, nelle zone interne. Si tratterebbe del tipico temporale estivo, spezza afa, a differenza dei temporali di calore, che tra oggi e domani, interesseranno le zone appenniniche e le interne centrali. Una ferita barica che impiegherà almeno tutta la giornata di venerdì per richiudersi, e che a conti fatti, ci farà perdere rispetto ad oggi 6-7 C°, riportando i valori termici finalmente entro le medie del periodo, e la possibile convergenza pomeridiana di venerdì, in cui la fase ritornante del centro depressionario in allontanamento verso il centro-sud, apporterebbe altre preziose precipitazioni.

192

Con l’avvento del fine settimana collegato al ponte di Ferragosto, sarà l’anticiclone delle Azzorre, più mite e meno umido, a proteggere la nostra regione da altri fronti instabili, riposizionando i valori diurni attorno ai 31-33 C°, che a voler essere pignoli sarebbero anche leggermente oltre media, ma dopo una violenta ondata di calore come quella che lentamente sta calando di intensità sulla Toscana, non può che essere una notizia accolta con favore. C’è da aggiungere poi, che grazie all’anticiclone di matrice oceanica, le temperature anche notturne subiranno un netto calo, favorito da una moderata escursione termica, che apporterà anche in questo caso un netto calo delle minime, complice anche il progressivo allungamento delle ore notturne su quelle diurne.

render-atls17-98f536083ae965b31b0d04811be6f4c6-oz1kbc

Un contesto estivo senza troppe preoccupazioni che potrebbe però non perdurare a lungo, visto che i modelli verso la fine dello step previsionale, intravedono una potenziale nuova rimonta dell’alta africana, a causa della debolezza del campo anticiclonico azzorriano, che tornerà a defilarsi dalle zone del Mediterraneo, concentrando i suoi geopotenziali più alti in pieno oceano. Chiariamo subito un concetto, le temperature non torneranno a varcare la soglia dei 40 C°, ma non dovremo sorprenderci se andremo a danzare attorno ai 35-36 C° nelle zone interne, valori che ovviamente non possiamo considerare di certo entro le medie stagionali. Tra i modelli preposti al lungo termine esiste anche la possibilità che ci sia una possibile evoluzione meno esasperata, con un proseguo estivo senza eccessi grazie ad una maggiore convinzione dell’anticiclone delle Azzorre a inviare i suoi strali a difesa dell’armata africana, ma al momento appare come un’ipotesi minoritaria.

Schermata 2017-08-08 alle 01.07.57

Il vero problema comunque, resta a prescindere quello della mancanza di precipitazioni concrete, tali a dissipare la feroce siccità che giorno dopo giorno, sta prosciugando i nostri torrenti. Ammesso che tra giovedì e venerdì anche la Toscana venga raggiunta dai temporali, gli accumuli definitivi, non supereranno ove si verificheranno i fenomeni, la soglia dei 15-20 mm….un temporale appunto….troppo decisamente troppo poco…

 

 


loading...