Imprese, Torrigiani (Pd): "Investire in agricoltura significa salvaguardare il territorio"

Filippo Torrigiani
Filippo Torrigiani

Se da un lato l’ultimo rapporto fornitoci da Eurispes e Coldiretti circa la presenza delle infiltrazioni malavitose nel comparto agricolo ed agroalimentare, a livello nazionale, ci consegna certamente una quadro d’insieme preoccupante, i dissesti idrogeologici a cui assistiamo con sempre più insistenza, debbono essere per tutti noi un monito chiaro che significa occuparsi con maggiore impegno nella tutela del territorio. Ciò ci impone, senza dubbio alcuno, di aiutare in ogni modo possibile gli sforzi ed il lavoro delle Imprese sane che investono in questo comparto "così Filippo Torrigiani, Consigliere PD all’Unione dei Comuni dell’Empolese - Valdelsa e Consulente dell’Antimafia".

Posto che tra le 106 province italiane prese in esame – continua Torrigiani -  la nostra Regione nel suo complesso si colloca su livelli medio bassi, ovvero sotto la media nazionale, occorre tuttavia osservare che come accertato da varie indagini, la Toscana è terra appetibile da un punto di vista di molteplici interessi dei Clan, da sempre ben predisposti ad investire ingenti somme di denaro nelle pratiche di riciclaggio. E’ sufficiente pensare ai “valori” dei terreni su cui svolgono le attività agricole e produttive: si passa dai 120mila euro ad ettaro per un vigneto nel chianti classico, ai 350mila euro ad ettaro per un vivaio pistoiese, fino a giungere ai 400mila euro ad ettaro di Brunello di Montalcino.

Investimenti certi e specchiati, attraverso i quali si garantiscono di conseguenza buona occupazione, manutenzioni al patrimonio rurale, arboreo ed agricolo, rappresentano certamente il modo migliore per tutelare i territori da dissesti di carattere naturale e di contrastare, in modo concreto, l’avanzare subdolo degli interessi malavitosi in Agricoltura – conclude Filippo Torrigiani –.

 

 

 

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina