Carni non conformi, Parrella: "Santa Maria a Monte non colpita, ma cambiamo fornitore"

Il sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella
Il sindaco di Santa Maria a Monte Ilaria Parrella

Il caso Malacarne ha scosso la Toscana, ma a Santa Maria a Monte il sindaco Ilaria Parrella predica calma. Il primo cittadino ha inviato una lettera ai genitori dei ragazzi che usufruiscono del servizio mensa per spiegare la situazione attuale: "Il Comune di Santa Maria a Monte non è tra gli enti indicati per le carni non conformi. I Nas non hanno mai ispezionato la cucina scolastica comunale".

Pur tuttavia, l'amministrazione comunale ha interrotto i rapporti con Alessio Carni, soggetto indagato nella vicenda: "In via cautelativa abbiamo sospeso il rapporto con Alessio Carni immediatamente. Adesso il fornitore è Cecioni Catering si Firenze".

"La nostra carne è sempre stata controllata dall'Asl - ha proseguito Parrella - con visite sia in cucina che dalla ditta che si occupa di fare i tamponi alimentari sui cibi preparati. Inoltre il nostro personale verifica direttamente la qualità e lo stato degli ingredienti".

La lettera si conclude così: "Non sono mai state trovate irregolarità. L'attenzione per la qualità dei prodotti è garantita da capitolati di gara puntuali e stringenti e dalla professionalità del personale comunale".

Tutte le notizie di Santa Maria a Monte

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina