Bagni pubblici potenziati e docce, Amato (AL): "Il Comune dice no"

Miriam Amato
Miriam Amato

“Nessun miglioramento dei servizi e totale disprezzo per i più deboli. Così si può riassumere la posizione della maggioranza”. Questo il commento di Miriam Amato che si è vista bocciare in consiglio una mozione sui bagni pubblici: “Per l’ennesima volta il partito di maggioranza non ha voluto prendere in considerazione proposte concrete per i più deboli. Ricordo infatti che la chiusura dei bagni in via Sant’Agostino, nel settembre scorso, ha aggravato le condizioni di molte persone a cominciare dai senza tetto”.

“Per questo avevo chiesto interventi in centro storico, garantendo un servizio docce in orario diurno, e di ripristinare il servizio in Oltrarno, che fra le altre cose era stato richiesto anche dai residenti. Negli ultimi due anni – prosegue la consigliera di Alternativa Libera – sono state inaugurate strutture e servizi per i turisti ed i frequentatori della movida, servizi comunque insufficienti per una città come Firenze. Tutte le strutture infatti non hanno il servizio docce ".

“Una situazione di estremo disagio, in cui i diritti minimi delle persone non sono garantiti, e destinata a perdurare, considerato che la maggioranza e questa amministrazione risultano essere insensibili alle richieste e alle necessità delle persone più deboli. La solidarietà e il sostegno alle fasce più povere della popolazione non sono più valori della nostra città” è la conclusione amara di Amato.

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina