Caso Bruschi, incontro tra Cia Pistoia e vivaisti

vivaio_generico

La Confederazione italiana agricoltori Pistoia, in collaborazione con il Comitato creditori Sandro Bruschi, organizza martedì 12 dicembre, alle ore 21, a Chiazzano (Pistoia), presso il bar Lo.Ri in via Provinciale Pratese 433, una riunione aperta del suo Gie (Gruppo di interesse economico) Vivaismo per fare il punto, a partire dal caso Bruschi, su alcuni dei principali problemi del distretto vivaistico-ornamentale pistoiese e preparare il confronto che sarà a breve avviato con il presidente del distretto e le istituzioni (dal sindaco di Pistoia, al presidente della Provincia, ai rappresentanti delle forze dell’ordine, fino all’assessore regionale all’agricoltura) per aiutare a risolvere quel caso limitandone i danni e per migliorare la situazione generale del comparto a Pistoia e, conseguentemente, in tutta la Toscana.

La riunione è pensata in particolare per le piccole e medie aziende vivaistiche del distretto ornamentale, sia perché questa è la tipologia aziendale maggiormente rappresentata da Cia Pistoia e più esposta alle ripercussioni della vicenda dei vivai Sandro Bruschi, sia perché le aziende di tale livello dimensionale sono accomunate da problemi simili. All’incontro possono partecipare anche vivaisti non associati a Cia Agricoltori Italiani con interessi analoghi, come è il caso di alcuni agricoltori che fanno parte del Comitato creditori Bruschi.

Sono previsti interventi dei rappresentanti della Confederazione ospitante, a cominciare dal presidente Sandro Orlandini, sui problemi del distretto, e interventi dei portavoce del Comitato creditori Sandro Bruschi Paolo Chiti e Lisa Trinci, che faranno un aggiornamento sullo «stato di sovraindebitamento» dei vivai Bruschi e sui possibili sviluppi della vertenza. Ma sarà dato spazio anche alle segnalazioni di problemi specifici e suggerimenti di soluzioni dei vivaisti presenti alla riunione che vorranno dire la loro su questioni calde quali i furti nei vivai e altre sempreverdi come i tempi di pagamento troppo lunghi.

Fonte: Cia Pistoia - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina