Polizia municipale Prato, dal bilancio 2017 forte impegno su smaltimento illegale dei rifiuti tessili

prato_polizia_municipale_intervento_chiesanuova_2013_03_01_1

É stato presentato questa mattina alla presenza del sindaco Matteo Biffoni, del comandante della Polizia municipale Andrea Pasquinelli e di altri responsabili del corpo tra cui l'ispettore responsabile del reparto territoriale Stefano Assirelli, l'ispettore responsabile del reparto pronto intervento Giovanni Morosi, l'ispettore responsabile del reparto nuclei speciali Flora Leoni e l'ispettore responsabile del reparto logistica e supporto Vitantonio Esperto, il bilancio dell'attività della Polizia municipale per l'anno 2017.

Un bilancio che merita attenzione, visto lo straordinario lavoro che viene effettuato dai circa 200 ufficiali e amministrativi del corpo di Polizia municipale. «Colgo l'occasione per ringraziare il comandante e tutti gli agenti della Polizia municipale per il loro lavoro, notevole sia per quantità come si vede dai numeri, sia per qualità e approfondimento» ha dichiarato il Sindaco Matteo Biffoni. «Nonostante le nuove assunzioni fatte e che andremo a fare, la Muncipale conta su numeri esigui rispetto alla mole di lavoro che affronta ogni giorno. Un'attività svolta su tanti fronti, 24 ore su 24, che non ha eguali in altre città».

Contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti su strada, sequestri di varia natura, dai documenti falsi, alle armi, agli immobili utilizzati per attività illecite, smaltimento illegale dei rifiuti: sono solo alcuni degli ambiti di intervento relativi al controllo del territorio a 360 gradi messi in atto giornalmente dagli agenti della Municipale, oltre ai più "tradizionali" di controllo stradale e intervento sui sinistri.
"La guardia della città" è non a caso il leit-motiv che ha accompagnato tutta l'attività dell'anno che sta per concludersi e il tema del calendario del 2018 che sarà pronto tra qualche giorno, come dichiarato dal comandante della Polizia municipale Andrea Pasquinelli.

Molte le novità di presenza sul territorio. Dal mese di novembre sono stati ripristinati i servizi a piedi nelle periferie, con interventi di controllo in strada e nei giardini pubblici, in riferimento anche a situazioni critiche segnalate dai cittadini. Le zone interessate per il momento sono Chiesanuova, Tobbiana, Iolo, Grigano Case, Mezzana, viale Montegrappa e della Repubblica. Proseguono inoltre i presidi fissi presso la Stazione del Serraglio e i controlli in Piazza Mercatale.

Per prevenire e combattere situazioni di degrado urbano, è stato effettuato un puntuale censimento degli immobili abbandonati o in stato di degrado con tanto di annotazione delle relative visure catastali all'interno di un database. Questa mappatura efficace ha permesso di liberare nel mese di ottobre un immobile occupato abusivamente in via Damiano Chiesa e di sgomberare, a seguito della denuncia dei proprietari, una vecchia villa abbandonata e occupata abusivamente nei pressi dell'uscita Prato Est della A11. Un lavoro portato avanti in sinergia con le proprietà o le curatele nei casi di procedure fallimentari.

Sul fronte stradale, da ottobre è stato istituito un tavolo permanente per migliorare la segnaletica in collaborazione con l'ufficio strade. Dal mese di novembre sono partiti invece i controlli in borghese per il contrasto all'uso del telefonino alla guida. Rispetto al 2016 le sanzioni sono aumentate passando da 121 a 146, e ciò può essere spiegato in parte proprio in relazione all'aumento dei controlli. In caso di sinistri, sono ancora molti i casi di omissione di soccorso (38 nel 23016 e 35 nel 2017). Mentre diminuiscono le infrazioni relative all'obbligo di indossare casco e cinture di sicurezza e ai passaggi con il semaforo rosso, sono in aumento del 9% le soste non autorizzate nei posti riservati alle persone invalide, che passano dalle 378 sanzioni del 2016 a 411 nel 2017. Non accennano a diminuire neanche le soste abusive durante la pulizia delle strade. A seguito di 1684 controlli sono state infatti emesse dall'unità operativa Ausiliari del Traffico 30.050 sanzioni. 1.050 sanzioni sono state invece emesse per sosta all'interno degli spazi riservati ai residenti, soprattutto nell'area di Piazza Mercatale.

Infine, vi è un'attenzione massima per quel che riguarda l'inquinamento ambientale derivante dallo smaltimento illecito di rifiuti ad opera di stamperie, tintorie e rifinizioni.

Solo dall'inizio dell'anno sono stati effettuati 516 controlli a ditte in ambito ambientale, dei quali 20 controlli hanno riguardato stamperie, tintorie e rifinizioni, ed è stata implementata l'attività di indagine sulla filiera della gestione dei rifiuti: dal produttore, al trasportatore fino all'impianto di destinazione finale (sono state ben 362 le sanzioni sull'irregolare tenuta del registro di carico e scarico). L'ultimo intervento in ordine di tempo proprio in questi giorni: dopo aver seguito e sequestrato un furgone che trasportava scarti tessili per abbandonarli nel comune di Calenzano, ieri la Municipale è riuscita a risalire due confezioni di Prato, gestite da imprenditori cinesi, che conferivano illegalmente gli scarti: le due aziende sono state sequestrate così come 130 macchinari.

Forte la collaborazione tra la Polizia Municipale e la Procura della Rewpubblica: dal 2015 al dicembre 2017 sono stati effettuati e gestiti 369 reati ambientali che hanno portato a 147 sequestri di veicoli impiegati per il trasporto abusivo di rifiuti. Sono state quindi implementate le attività di indagine su tutta la filiera della gestione dei rifiuti per cercare di individuare non solo produttori e trasportatori, ma anche l'impianto o la destinazione finale di smaltimento spesso coinvolti e il più delle volte gestiti da organizzazioni criminose.

Fonte: Comune di Prato - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Prato

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina