Panpepato di Lella

Fonte foto: Lella Lella
Fonte foto: Lella Lella

Buongiorno oggi ringrazio una cara ascoltatrice che ci segue da anni e che mi ha inviato questa ricetta, Lella Lella, il "Panpepato di Lella". Mi ha raccontato che questa è una ricetta che ormai prepara da 10 anni e il prodotto è richiesto da amici e parenti perché è buonissimo e dal momento che siamo molto vicini al Natale questa è uno ricetta perfetta, potete regalare ai vostri cari del Panpepato fatto da voi.

Parlando con la Cri, la mia compagna del giovedì mattina in radio,  mi ha detto che lei quest'anno regalerà ai parenti il liquore al cioccolato e la crema di whisky fatta in casa, ha comprato tutti gli ingredienti anche le bottigliette di vetro, un idea quella di regalare del cibo o dei liquori fatti in casa. Un'altro esempio due signore di Prato che ho conosciuto tramite il mio corso di Cranio sacrale biodinamico per Natale hanno regalato dei biscotti preparati in casa come i cantuccini e i biscotti con la farina di castagne, uva passa e frutta secca. Buonissimi perché io sono stata tra le persone che li hanno ricevuti.

A Natale potete davvero preparare i vostri regali in cucina, ma non solo, c'è chi è molto bravo anche a fare oggetti con le proprie mani e con un po'di creatività confezionare dei regali artigianali e fatti a mano senza andarli a comprare. Evviva la creatività, l'operosità, e la buona volontà, gli ingredienti giusti per la realizzazione dei nostri desideri.

Non smettete mai di sognare e di sperare, il cambiamento inizia sempre da noi stessi, Buon Natale 2017.

Panpepato di Lella

Ingredienti per 10 persone

60 gr di farina 00 (potete sostituire con farina senza glutine)

150 gr di miele

100 gr di zucchero

100 gr di mandorle pelate

100 gr di nocciole pelate

70 gr di gherigli di noce

1 cucchiaio colmo di cacao amaro in polvere, cannella in polvere, e noce moscata

3 chiodi di garofano pestati nel mortaio

100 gr di cedro candito

100 gr di zucca candita tagliata a dadini

100 gr di scorza d'arancio candita

1 pizzico di pepe nero

ostie da pasticceria

Preparazione

Mettete in una casseruola il miele, lo zucchero e fate cuocere a fuoco lento mescolando continuamente. Quando i grani di zucchero sono visibilmente sciolti, cioè quando non si vedono più perché si sono perfettamente fusi con il miele, unite le 10 mandorle pelate, le nocciole anch'esse pelate, i gherigli di noce pelati, il cucchiaio di cacao in polvere amaro, una bella spolverata di cannella in polvere, una grattatina leggera di noce moscata, i chiodi di garofano pestati nel mortaio, il cedro tagliato a dadini piccoli, la zucca candita anche quella a dadini, la scorza d'arancio candita tagliata a striscioline e in pizzico generoso di pepe nero macinato finemente. Da ultimo aggiungete la farina e mescolate alla perfezione perché non si formino grumi. Continuate a cuocere il tutto per un paio di minuti, sempre mescolando e sempre a fuoco basso. Se il composto accenna a caramellarsi troppo interrompete subito la cottura. Versate il tutto in una teglia rotonda di 22-25 cm di diametro con il bordo a cerniera e foderate la teglia (fondo e bordo) con ostie da pasticceria. Livellate per bene la superficie con un coltello e cuocete in forno moderato a 160 gradi per mezz'ora. Lasciate raffreddare nel forno. Togliete il bordo della teglia oppure ribaltate per due volte la torta in modo che lo strato di ostie rimanga sotto. Se il dolce è ben freddo (come deve essere) l'operazione riesce di sicuro. Spolverate la superficie con zucchero a velo misto a cannella. Ricetta adatta anche a vegetariani.

Auguri da Lella Lella, che ci ha dato alcune foto della preparazione di questo dolce e la foto finale con il Panpepato confezionato e pronto da regalare.

Mandate le vostre ricette a michela@radiolady.it 

Seguitemi anche su Facebook

www.facebook.com/groups/cucinarechebonta/

Potete ascoltare la ricetta sulle frequenze di Radio Lady 97.7 di Empoli (Fi) oppure sui 102.100 nelle zone di Pisa, Lucca, a partire dalle 8:35 circa ogni giovedì. Il sabato mattina verso le 10:40 c'è cucinare che bontà internazionale, con le ricette da tutto il mondo.