Ex discarica a Massaciuccoli, il M5S: "La Regione tiri fuori le carte"

Giacomo Giannarelli (foto gonews.it)
Giacomo Giannarelli (foto gonews.it)

Il Movimento 5 Stelle porta in Regione il caso dell’ex discarica Carbonaie. Secondo indiscrezioni emerse dalla stampa l’area è oggetto di un’inchiesta della Procura di Lucca, basata su rilievi ARPAT mai pubblicati.

“La campagna elettorale non è una giustificazione per tenere nascosta la verità ai cittadini su quanto li riguarda” commenta Giacomo Giannarelli, consigliere regionale M5S e firmatario dell’interrogazione alla giunta sul tema.

“Con 6,5 milioni di euro dei toscani il capitolo bonifica dell’ex discarica Carbonaie doveva essere chiuso. Invece la Procura lo sta riaprendo ipotizzando fatti gravi come che l’intervento non sia stato risolutivo. Se ARPAT ha notizie dell’inquinamento di falda deve pubblicarle. Carbonaie è ad un passo dal Lago di Massaciuccoli, ci vivono e lavorano tante persone: se la situazione è pericolosa per loro e per l’ambiente abbiamo il diritto di saperlo e la giunta PD-Rossi ha il dovere di dirlo pubblicamente” sottolinea Giannarelli.

“Vogliamo leggere i rapporti ARPAT sul tema e capire cosa intenda fare la Regione per risolvere una situazione che sulla stampa è stata già battezzata, senza smentite, un “bomba ambientale”” precisa il Cinque Stelle.

“Dopo anni dove l’area era rimasta una discarica a cielo aperto di rifiuti abbandonati, servono risposte e soluzioni anche su questo punto” conclude Giannarelli.

Fonte: Area Comunicazione M5S - Regione Toscana

Tutte le notizie di Lucca

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina