Arrestata moglie del vigile del fuoco in pensione trovato morto a Pistoia

Il tribunale di Pistoia
Il tribunale di Pistoia

Dopo un anno di indagini, il gip di Pistoia Maria Elena Mele ha disposto l'arresto della moglie di Antonio De Witt Molendi, vigile del fuoco in pensione rinvenuto cadavere nella casa della coppia a Pistoia tra il 4 e il 5 febbraio dello scorso anno. Marinova Vessellinova Bogdana, 51 anni, di origini bulgare, è finita in manette da parte della polizia per omissione di soccorso e maltrattamenti. La donna, secondo quanto ricostruito in questi dodici mesi, avrebbe maltrattato, picchiato e umiliato l'uomo in ogni maniera possibile. Addirittura, il pensionato, rimasto senza soldi proprio per le privazioni della compagna, avrebbe dovuto chiedere l'elemosina ai vicini.

Nel ricostruire la vicenda, è emerso che la donna fu condannata a un anno e 10 mesi di reclusione e 400 euro di multa, pena sospesa, per maltrattamenti e sequestro di persona. I fatti avvennero nel 2007 a Siena ma il giudice si espresse solo nel 2009.

Tutte le notizie di Pistoia

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina