Idy Diene ucciso da tre spari, Pirrone: "Non gli ho sparato perché nero"

Idy Diene
Idy Diene

Stamattina, 8 marzo, Roberto Pirrone che il 5 marzo ha sparato e ucciso Idy Diene, ambulante senegalese sul ponte Vespucci in pieno centro a Firenze, ha risposto all'interrogatorio al gip Alessandro Moneti in carcere a Sollicciano.

"Non gli ho sparato perché nero" dichiara Pirrone. "Non ci ho neanche pensato, ho sparato al primo che passava. Sono amico di alcuni senegalesi che vivono qui a Firenze e che conosco".

Ha così confermato la versione rilasciata al pm Giuseppe Ledda e agli investigatori della polizia: ha "colpito a caso". L'ex tipografo era stressato per i debiti e per le liti in famiglia e aveva deciso di suicidarsi. Poi ha cambiato idea e ha deciso di uccidere qualcuno, il primo che passava, per finire in carcere e liberarsi dei debitori. E' il quadro emerso dall'interrogatorio nel carcere di Sollicciano.

Autopsia: Idy Diene colpito da tre spari

L'autopsia sul cadavere di Idy Dieneha rilevato che l'uomo fu raggiunto da tre colpi di pistola. I primi due lo ferirono ad una spalla e al torace, il terzo alla testa. Le fonti inquirenti sono in attesa della relazione completa dell'Istituto di medicina legale.

Roberto Pirrone sparò più di tre colpi verso Idy Diene, ma i primi forse sono finiti nel fiume Arno. In base alle ricostruzioni, Pirrone ha camminato verso il senegalese riducendo la distanza riuscendo poi a ferirlo e ad ucciderlo.

L'arma usata per uccidere il senegalese è una pistola che Pirrone usava nel tiro a segno sportivo, sport che praticava da qualche tempo in un poligono. Le indagini proseguiranno anche con la raccolta delle testimonianze della moglie e della figlia di Pirrone che gli investigatori della polizia potrebbero sentire tra oggi e domani.

Pirrone resta in carcere

Al termine dell'interrogatorio di garanzia, il gip di Firenze Alessandro Moneti ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per Roberto Pirrone.

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina