I carabinieri a scuola: lezione interattiva a Castelfranco e Orentano

carabinieri_castelfranco_orentano_2018_03_14___1

Bullismo, cyberbullismo, droga, violenza sulle donne e sui minori, educazione stradale, diritto alla difesa… Sono questi alcuni dei temi affrontati ieri, martedì 13 marzo, in occasione di una lezione speciale che si è tenuta nell’aula magna della Scuola Secondaria di primo grado Leonardo Da Vinci di Castelfranco di Sotto. Ad essere “professori per un giorno” erano il comandante e vicecomandante dei Carabinieri di Castelfranco, Emanuele Quaranta e Massimo Rodella, che si sono resi disponibili a rispondere alle tante domande poste dagli studenti. Presenti all’incontro oltre 200 ragazzi delle classi seconde e terze di Castelfranco e Orentano. Sono stati propri gli interessanti interrogativi dei giovani a guidare la lezione che si è svolta in modo interattivo. I due agenti hanno saputo mettersi a misura di ragazzo per spiegare regolamenti, casistiche e tematiche di attualità su cui si sono incentrati dubbi e curiosità.

Tra gli interessi degli studenti, anche l’Arma dei Carabinieri stessa: è stato chiesto come si diventa Carabinieri, che percorso di studi occorre e quali possibilità lavorative si aprono con questo tipo di carriera.

“L’Arma dei Carabinieri è un punto di riferimento importante nella nostra società ed è giusto che i giovani abbiano modo di conoscere le persone che la compongono, per comprenderne e apprezzarne il ruolo – ha dichiarato il sindaco di Castelfranco, Gabriele Toti - . Questa occasione di incontro a scuola ha quindi rappresentato  un’opportunità preziosa per abbattere la distanza che spesso separa le nuove generazioni dalle forze dell’ordine. Ringrazio personalmente il luogotenente Quaranta e il maresciallo Rodella per la disponibilità che hanno dimostrato”.

La lezione condotta dai Carabinieri fa parte del programma di Educazione alla legalità nell’ambito di ‘Cittadinanza e Costituzione’ previsti dal piano dell’offerta formativa della scuola, in cui si affrontano temi come l’inclusione sociale, la salute, l’orientamento a futuro cittadino proiettato verso la società.

“Siamo stati lieti di ospitare i Carabinieri di Castelfranco nella nostra scuola – hanno commentato la dirigente scolastica dell’istituto, Maria Elena Colombai, e la vice dirigente, Cristina Picchi - . Sono sempre disponibili a venire quando è richiesto il loro intervento, ma lo sono stati allo stesso modo anche questa volta in cui l’intervento era educativo”.

Fonte: Comune di Castelfranco di Sotto - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Castelfranco di Sotto

<< Indietro
torna a inizio pagina