Cinque famiglie arcobaleno riconosciute ufficialmente dal sindaco di Firenze Nardella

firenze_famiglie_arcobaleno_dario_nardella_

Se non vedi il video, clicca qui.

Si è svolta oggi a Palazzo Vecchio la firma degli atti relativi al riconoscimento del secondo genitore di bambini nati in una famiglia ‘arcobaleno’, cioè formata da due persone dello stesso sesso. Il sindaco Dario Nardella ha firmato il riconoscimento per quattro coppie di donne e ha sottoscritto l’atto di trascrizione di una sentenza della Corte superiore di giustizia di Toronto (Canada) per quanto riguarda due genitori uomini. “Questo è un tema reale – ha sottolineato il sindaco durante l’incontro con le famiglie, che si è svolto alla presenza dell’assessore alle pari opportunità Sara Funaro e dell’assessore all’anagrafe Federico Gianassi – sul quale la legge italiana non ha dato ancora strumenti certi su come intervenire. Il sindaco può assumersi responsabilità senza violare la legge ma cercando di coniugare il rispetto delle norme con i diritti di questi bambini. Ho fatto di tutto per rimanere nei confini della legge ma allo stesso tempo per dare loro la possibilità di vivere come tutti gli altri bambini, all’interno della loro famiglia. Guardiamo a questi piccoli con comprensione, affetto e senso di responsabilità. Questi sono atti che non si fanno per una battaglia politica ma riguardano temi delicati e profondi che mi auguro la legge possa disciplinare presto, così da consentire a noi sindaci di muoverci con più tranquillità”. “Ringraziamo il sindaco e l'amministrazione per questo importante atto che dà pieno riconoscimento alle nostre famiglie, nel rispetto della legge italiane e nel solco di sentenze e decisioni analoghe di altri Comuni che già hanno messo in chiaro come il principio guida da seguire sia l'interesse dei minori – ha aggiunto la presidente di ‘Famiglie Arcobaleno’ Marilena Grassadonia -. Lo Stato, grazie al sindaco, ora riconosce quello che i nostri figli e la società già sanno: le famiglie arcobaleno nel nostro Paese esistono, e vanno tutelate”.

Fonte: Comune di Firenze - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina