Tramvia a Firenze, Alberti (Lega): "Una storia infinita"

Jacopo Alberti
Jacopo Alberti

“Probabilmente quando nel 1951 è uscito il film: “Un tram chiamato desiderio”- afferma sarcasticamente Jacopo Alberti, Consigliere regionale della Lega e Portavoce dell’Opposizione - il regista sapeva già che a Firenze si sarebbe vissuta, quasi settant’anni dopo, una palpabile situazione d’attesa per l’avvio della fatidica linea 2 che doveva essere operativa a fine agosto, comunque prima dell’inizio dell’attività scolastica e che, invece, pare destinata ad un differimento di alcuni mesi.”

“Il tutto per diversi mancati pagamenti ai lavoratori di alcune ditte, che si protraggono non da ieri, ma addirittura da settembre(complimenti per la tempestività nell’accorgersi della problematica). Insomma mentre sulla linea 3 sono state rilevate diverse criticità, la tratta Peretola-Stazione vive momenti di assoluta indeterminatezza con il Sindaco Nardella e l’Assessore competente in chiaro imbarazzo. Una soluzione forse c’è - conclude ironicamente Jacopo Alberti  -dato che l’avvio della nuova linea doveva essere in contemporanea con l’inizio settembrino delle scuole, allora chiediamo al Ministero dell’Istruzione una deroga per spostare l’avvio delle lezioni a dicembre, quando, forse, i fiorentini potranno salire sull’agognato tram; almeno, qualcuno (gli studenti) sarà contento di questa storia infinita a sfondo tramviario…”

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina