La Consob conosceva la crisi di Banca Etruria già nel 2013: annullate le sanzioni

(foto gonews.it)
(foto gonews.it)

La Consob sarebbe stata a conoscenza della crisi di Banca Etruria fin dal dicembre 2013. È questa la motivazione con cui la Corte d'Appello di Firenze ha annullato alcune sanzioni emesse dall'authority di Borsa nel 2017 agli ex vertici. Secondo i giudici Bankitalia avrebbe informato la Consob e le sanzioni che sono poi state commisurate a sindaci e amministratori sarebbero arrivate in ritardo, oltre il termine di 180 giorni.

La decisione riguarda l'appello presentato dagli ex sindaci di Banca Etruria (Tezzon Massimo, Cerini Paolo, Neri Gianfranco, Polci Carlo) e l'ex amministratore Andrea Orlandi, tutti difesi dall'avvocato Renzo Ristuccia, contro le sanzioni emesse da Consob nel luglio del 2017. Segue anche una sentenza del tutto analoga con cui lo stesso Tribunale ha annullato un'analoga sanzione verso un altro ex consigliere, Alberto Bonaiuti.

 

Tutte le notizie di Arezzo

<< Indietro
torna a inizio pagina