Firenze si risveglia con il rintocco della Martinella: si celebra la 'Liberazione'

campana_martinella_firenze_liberazione_11_agosto_1944

Firenze si è svegliata questa mattina con i rintocchi della Martinella: la città è di nuovo 'libera'. Oggi, sabato 11 agosto, si celebra il settantaquattresimo anniversario della Liberazione di Firenze dai nazifascisti, un'insurrezione scattata all'alba proprio con i rintocchi della Martinella.

Quest'anno sarà in città anche l'ex presidente del Sudafrica e membro dell'African National Congress, Petrus Kgalema Motlanthe, che farà un intervento per ricordare la Liberazione del capoluogo toscano.

Motlanthe è stato il terzo presidente del Sudafrica dal 25 settembre 2008 al 9 maggio 2009, mentre da quella stessa data al 2014 è stato vicepresidente nominato dal suo successore Jacob Zuma.

Questa mattina il sindaco Dario Nardella ha assistito sulla Torre di Arnolfo al rintocco della Martella pubblicando un video sul suo profilo facebook e un commento: "11 agosto 1944, Firenze si risveglia con i rintocchi della martinella: è finalmente libera dal nazifascismo, grazie al sacrificio di donne e uomini straordinari. Oggi come ieri, per non dimenticare mai. Buona #Liberazione a tutti!"

IL PROGRAMMA

Il primo evento della giornata di sabato si terrà alle 7 a Palazzo Vecchio, quando ci saranno i rintocchi della Martella, la campana della Torre di Arnolfo, che l’11 agosto 1944 annunciò alla città il ritorno alla libertà e alla democrazia.

A seguire, alle 9.45, in piazza Santa Croce si terrà la cerimonia solenne dell’Alzabandiera con la deposizione di una corona di alloro da parte delle autorità civili, religiose e militari e sarà reso onore ai caduti di tutte le guerre con le preghiere di suffragio: per la Comunità ebraica ci sarà la lettura del discorso del rabbino capo Amedeo Spagnoletto, che non sarà presente perché impegnato nelle funzioni religiose dello Shabbat; per il Consiglio dei pastori evangelici interverrà il pastore Raffaello Volpe, mentre per la Chiesa cattolica parlerà Monsignor Vasco Giuliani.

Alle 10.15, al termine della cerimonia, partirà il corteo diretto a Palazzo Vecchio, con al seguito i Gonfaloni di Firenze, della Regione Toscana, della Città metropolitana e dei vari Comuni dell’area fiorentina, oltre ai labari della federazione delle associazioni partigiane e delle associazioni d’arma e combattentistiche.
Sull’Arengario di Palazzo Vecchio, in piazza della Signoria, alle 10.30 sono in programma l'intervento del sindaco Dario Nardella, l’orazione di Renato Romei, membro della segreteria provinciale dell’Anpi di Firenze, e un saluto dell’ex presidente del Sudafrica Petrus Kgalema Motlanthe.

Alle 20 sempre sull’Arengario di Palazzo Vecchio si terrà il concerto per la cittadinanza della Filarmonica ‘F. Nucci’ di Ponte Buggianese.

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina