Spari e minacce a Firenze, il 48enne rimane in carcere

Il carcere di Sollicciano
Il carcere di Sollicciano

Rigettata l'istanza di scarcerazione di Rolando Scarpellini, artigiano fiorentino 48enne che gettò il quartiere fiorentino dell'Isolotto nel panico sparando alcuni colpi in aria dopo aver minacciato una barista, collega della sua compagna. Il tribunale del riesame ha così deciso sull'uomo, ancora a Sollicciano. I fatti avvennero il 29 agosto in un bar di Firenze. Scarpellini divenne irreperibile per un giorno e per una notte, finché gli agenti non lo trovarono la mattina dopo. Una delle due pistole ritrovate venne rubata nel 2013 a Montespertoli e Scarpellini affermò di averla acquistata in un campo nomadi di Firenze.

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina