di Paolo Bruschi Chi sono e il mio blog

England's captain Bobby Moore, left, shakes hands with West Germany's captain Franz Beckenbauer at Wembley Stadium, London, April 29, 1972, before the start of the European Nations Cup, quarter final, first leg. (AP Photo/Staff/Harris)

Germania e Inghilterra, il giorno della svolta

«Il calcio è un gioco semplice: 22 uomini in mutande rincorrono un pallone e alla fine vince la Germania», ha icasticamente sentenziato Gary Lineker. Con la sua lapidaria affermazione, l’ex attaccante inglese degli anni ’80 e ’90 ha magistralmente sintetizzato l’ormai pluridecennale primato tedesco sul calcio internazionale, che cominciò a delinearsi il 29 aprile 1972, […]


Leggi tutto
cies

I calciatori italiani, una specie in via di estinzione

L’ultimo studio demografico sull’Europa del pallone, pubblicato un paio di mesi fa dall’Osservatorio calcistico del Centro Internazionale di Studi sullo Sport di Neuchâtel, conferma che il tratto distintivo del tempo presente è la globalizzazione dei campionati. Sempre più giocatori vengono acquistati e sempre meno sono allevati nei vivai; i “contratti a tempo indeterminato” sono ormai […]


Leggi tutto
dick_kerrs_ladies

Dick, Kerr’s Ladies, le calciatrici imbattibili che suscitarono l’invidia dei maschi

(Questo post è una versione multimediale dell’articolo uscito sul quotidiano il manifesto)   È risaputo che molti progressi nella parità di genere sono stati compiuti quando gli uomini erano affaccendati a massacrarsi con zelo. Nella società, nel lavoro e nello sport, le donne hanno sostituito padri, mariti, figli e fratelli, mentre questi erano impegnati nella […]


Leggi tutto
wyatt-earp-photo-2

Wyatt Earp, un imbroglione di sceriffo

Quando Wyatt Earp morì a Los Angeles nel 1929 le sue gesta valorose non finirono nei necrologi. Fu invece ricordato come un baro e un corrotto e il suo nome divenne persino sinonimo di imbroglione. Fu solo dopo la pubblicazione dell’encomiastica biografia, Wyatt Earp, uno sceriffo di frontiera, che la sua fama cambiò di segno: […]


Leggi tutto
1

Italia-Inghilterra, che il Governo vietò ai tifosi italiani

La crisi economica e la stagflazione, il clima inquietante degli “Anni di piombo” e l’indole moralistica della classe politica impedirono ai tifosi italiani di assistere alla rinascita della nazionale di calcio, il giorno che gli Azzurri sconfissero l’Inghilterra a Roma. Era il 17 novembre 1976 e la partita rappresentava il confronto decisivo nell’ambito del girone […]


Leggi tutto
Articoli antecedenti »