Elezioni regionali, nasce 'Popolo Toscano': sarà l'unica lista alleata del PD

La nascita di Popolo Toscano
La nascita di Popolo Toscano

Un ulivo dalle varie sfumature verdi, con vicino la dicitura “riformisti 2020”, alla cui base, su sfondo rosso, campeggia il nome “Il popolo toscano”. E’ questo il nuovo simbolo e nome dell’Associazione “Il popolo toscano – riformisti 2020”, che si candiderà alle prossime elezioni regionali e che sarà l’unica lista civica alleata, che sosterrà Enrico Rossi come prossimo Governatore della Regione Toscana.

Promotori dell’iniziativa sono i Consiglieri Regionali Marta Gazzarri, Marco Carraresi, Giuliano Fedeli, Gian Luca Lazzeri e Marco Manneschi, in rappresentanza del PSI Fausto Bonsignori, oltre a esponenti civici delle Istituzioni e di associazioni.

In questi cinque anni in Toscana sono state realizzate importanti riforme, grazie soprattutto al lavoro di coloro che oggi hanno dato vita all’associazione “Il popolo toscano”, un movimento animato da realtà civiche, rappresentanti politici, rappresentanti istituzionali, associazioni e cittadini comuni.

Tutti insieme, condividendo valori comuni al di là delle visioni politiche, guardando alla concretezza di cui il Paese ha disperato bisogno, danno oggi vita ad un progetto nuovo.

Un progetto che non ha guardato alle etichette di appartenenza, fatto di giovani amministratori locali, di appartenenti a partiti diversi, di persone che non vedono più nei partiti di riferimento lo strumento capace di dare risposte alle sfide del futuro e di chi non  ne ha mai fatto parte.

Non è la sommatoria di etichette, se pure gloriose, ma un nuovo modo di fare politica, arricchita da esperienze diverse.

In questi cinque anni sono stati raggiunti, insieme alla coalizione che ha sostenuto Rossi, alcuni traguardi:

- Per una Toscana che sia terra di opportunità e sicurezza, abbiamo approvate leggi e programmazioni che aiutano le imprese ad essere più competitive creando in prospettiva nuovi posti di lavoro; ancora molto resta da fare per una società toscana che deve essere aperta al merito, ancora più trasparente, meno inutilmente consociativa.

- Per una Toscana che non si rassegni al darwinismo sociale portato dalle cicliche spending rewiew ma favorisca da un lato la sburocratizzazione del sistema sanitario, troppo appesantito da una selva di dirigenti, dall’altro la piena integrazione tra iniziativa privata e iniziativa pubblica per continuare a garantire e rafforzare servizi sociali e sanitari all’altezza di un paese civile.

Per un buon governo del territorio che coniughi tutela e sviluppo (quest’ultimo non resiste senza la prima).

“Il popolo toscano” è in realtà un nuovo progetto che, partendo da una solida cultura popolare e riformista, darà continuità al lavoro svolto ed, al contempo, darà un nuovo coraggio per affrontare le altre sfide. Oggi viene presentato questo progetto, aperto alla società tutta. Quello del Popolo Toscano- riformisti 2020 è infatti un incubatore di idee e proposte nuove per aprire una nuova fase della politica regionale.

“ Ci connotiamo- ha spiegato Marco Manneschi, portavoce dell’associazione Popolo toscano- per una forte concretezza  ed un attaccamento ai valori toscani. I dati parlano chiaro. Un numero sempre maggiore di toscani vive crescenti difficoltà. Va fatto dunque un grosso lavoro perché siamo di fronte ad un bivio. O la Toscana riprende grazie a scelte coraggiose o si apre la strada al declino”. “ L’ Associazione- hanno spiegato- è frutto della condivisioni di valori fondamentali lontano dalle  etichette politiche, quali il riformismo, la democrazia e la forte radice popolare e non elitaria”. “Saremo l’unica lista a sostegno del Presidente Rossi, un’alternativa valida contro il conservatorismo che, purtroppo ha troppo spesso caratterizzato la politica regionale ”.

 

 

Fonte: Riformisti 2020 - Popolo Toscano

Tutte le notizie di Toscana

<< Indietro
torna a inizio pagina