Luciano Spalletti, testimonial per il progetto Lotta alla povertà. Una cena di solidarietà a Villa Montepaldi

(foto gonews.it)
(foto gonews.it)

Sarà Luciano Spalletti, volo noto del calcio internazionale, allenatore ed ex centrocampista alla guida nelle vesti di tecnico di importanti formazioni del campionato italiano, prima di tutto con l'Empoli dove ha anche giocato in carriera, e poi con Ancona, Udinese, Roma e Zenit, a fare da testimonial al progetto “Lotta alla povertà” in occasione della cena di solidarietà organizzata per sabato 7 novembre alle ore 20 a Villa Montepaldi e finalizzata ad una raccolta fondi.

Il coach sarà accompagnato da Moreno Roggi delle Glorie Viola, altro grande personaggio del mondo calcistico italiano che si è distinto per una forte sensibilità nella realizzazione di obiettivi umanitari e solidali. Da alcuni anni infatti Roggi sostiene con convinzione alcuni progetti locali di aiuto concreto alle famiglie in difficoltà attraverso le associazioni di volontariato che sul territorio si occupano di supporto e prevenzione del disagio.

Il progetto “Lotta alla povertà” è promosso dall'associazione Csc di Cerbaia, supportato dal Comune di San Casciano, in collaborazione con la Misericordia di San Casciano, la Misericordia di Mercatale supportata dal Gruppo Donatori Sangue Fratres di Mercatale e il Centro ascolto di San Casciano. L'intento è quello di costituire un fondo di solidarietà con la partecipazione di enti pubblici e privati da destinare anche alla formazione di volontari da inserire in una specifica rete finalizzata all'accoglienza e all'ascolto. “

Sono le condizioni di fragilità economica e sociale – commenta il presidente del Csc di Cerbaia Manuela Dini - di numerose famiglie presenti nel nostro territorio con un numero di casi in crescente aumento che ci hanno spinto ad elaborare questo progetto che mira ad organizzare un'equipe di operatori in grado di lavorare insieme, interagire con i cittadini attraverso l'istituzione di un apposito sportello”. Il progetto prevede l'istituzione del prestito di solidarietà per aiutare persone in condizioni di momentaneo stato di bisogno.

Gli obiettivi sono molteplici: offrire uno sportello per dare ascolto al disagio sociale ed economico, sostenere le famiglie in difficoltà, costruire e valorizzare una rete tra i servizi pubblici e privati di associazioni presenti sul territorio, sostenere e orientare i cittadini attraverso il pagamento di utenze, spese impreviste e urgenti.

“Dalla crisi - aggiunge Elisabetta Masti, assessore alle Politiche sociali - possiamo uscire insieme è il concetto che sta alla base di questa nuova rete di solidarietà sulla quale stiamo lavorando volta al contrasto dell'emarginazione sociale, purtroppo sono sempre maggiori le famiglie che si trovano in situazioni di marginalità, causate dalla mancanza di un lavoro, dall'impossibilità di essere autosufficienti rispetto ai bisogni elementari e non ce la fanno ad arrivare a fine mese, la nostra proposta dunque è quella di mettere insieme le risorse e costruire una comunità solidale finalizzata ad arginare le povertà più gravi”.

Info e preno: csccerbaia.org

Fonte: Comune di San Casciano in Val di Pesa - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di San Casciano in Val di Pesa

<< Indietro
torna a inizio pagina