Informazione e intrattenimento per 'L'affido si fa forte' al MuVe

empoli_muve_sede

E’ in pieno svolgimento il programma delle iniziative nell’ambito de “L’Affido si fa forte” (hashtag #AFFIDOsifaFORTE), il progetto promosso dalla Regione Toscana e che vede impegnato in prima linea il Centro Affidi dei Comuni del Valdarno Inferiore (Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val d'Arno, San Miniato, Santa Croce sull' Arno) e dell’Unione dei comuni del Ciircondario Empolese Valdelsa (Capraia e Limite, Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Vinci) in collaborazione con istituzioni pubbliche (scuole e biblioteche) e associazioni del territorio, per un totale di più di 80 soggetti, pubblici e del privato sociale, che sostengono il progetto.

 

“L’Affido si fa forte” raggiungerà il suo culmine domani, venerdì 20 novembre, con la Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia, che si svolgerà al Museo del Vetro, in via Ridolfi n. 70 a Empoli, dalle ore 15 alle ore 18.30.

La giornata si aprirà alle ore 15 con l’esibizione del gruppo canoro “Caterina” di Ponte a Egola, cui seguiranno i saluti delle autorità. Alle ore 16 si apriranno gli spazi informativi e lo spazio dibattiti.

Negli spazi informativi saranno a disposizione dei cittadini le associazioni “Hippa e Lella” e “Frida Kahlo” di San Miniato, l’Auser territoriale di Pisa, le associazioni di Empoli Arci Empolese-Valdelsa, Cesvot area Centro, Centro di Accoglienza, Centro Arti Figurative, Misericordia e, infine, la Consulta del Volontariato di Fucecchio.

Nello spazio dibattiti, dalle ore 16 alle ore 16.45, si parlerà di affido interculturale con le associazioni “Arturo” di Santa Croce sull’Arno, “Nosotras” di Firenze, Società della Salute Valdarno Inferiore, “Nour-seconda generazione” di Santa Croce sull’Arno, “CO.S.SAN. Comunità Senegalese” di Santa Croce sull’Arno.

Dalle ore 16.45 alle ore 17.30 si affronterà il tema dell’affido in emergenza “Mi casa es tu casa” con la cooperativa sociale “La Pietra d’Angolo” di San Miniato e le Società della Salute di Empoli e Valdarno Inferiore.

Dalle ore 17.30 alle ore 18.15, infine, si illustrerà l’affido part-time con l’associazione “Famiglia Aperta” di Pisa e le Società della Salute di Empoli e Valdarno Inferiore.

Il canto chiuderà questa giornata dedicata ai diritti dell’infanzia grazie all’esibizione del gruppo “Senza Tempo” di Santa Croce sull’Arno.

 

Contestualmente proseguono anche le iniziative sul territorio nell’ambito del progetto “L’Affido si fa forte”: domani (venerdì 20 novembre) attività informative sul tema si terranno a Empoli anche al centro CO.ME.TE, nello spazio espositivo del Circolo Arti Figurative con la compagnia teatrale “No, grazie!”, e a Fucecchio con i laboratori per bambini nell’istituto comprensivo statale “Montanelli-Petrarca” promossi dalla Consulta del Volontariato e dalla direzione didattica di Fucecchio.

Sabato 21 novembre, dalle ore 15 alle ore 18, la Consulta del Volontariato e la Sezione Soci Coop faranno una campagna di sensibilizzazione nel negozio Coop di Fucecchio.

Domenica 22 novembre, dalle ore 10 alle ore 12, la Consulta del Volontariato proseguirà la campagna presso le parrocchie dell’Unità Pastorale di Fucecchio e l’associazione “Raggio di Speranza” terrà un incontro informativo “Affido: parliamone”, alle ore 15.30, nell’Oratorio San Severo a Castelfranco di Sotto.

Mercoledì 25 novembre, infine, un incontro informativo sull’affido si svolgerà, alle ore 17, presso la scuola primaria “Machiavelli” di Montespertoli promossa dall’istituto comprensivo statale “Don Lorenzo Milani” e dalla direzione didattica secondo circolo di Empoli.

 

#AFFIDOsifaFORTE è un'altra tappa di un impegno di informazione e sensibilizzazione sul tema dell'affidamento familiare, dell'accoglienza nelle sue varie forme, a partire dalle esperienze di prossimità e di "buon vicinato”, e della solidarietà tra le famiglie. E’ la costruzione di un'alleanza fra le istituzioni pubbliche e il volontariato e la cooperazione sociale del territorio per promuovere una cultura dell'accoglienza in un'ottica di prevenzione, attraverso esperienze di vicinanza a persone e famiglie che vivono situazioni di difficoltà e disagio non gravi. E’ un percorso di costruzione di piccole esperienze di solidarietà civica in una logica di sostegno alla quotidianità e secondo un approccio flessibile, che sappia rendersi compatibile con le esigenze e gli impegni di vita quotidiana delle persone.

Fonte: Asl 11 Empoli - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro
torna a inizio pagina