gonews.it

Un weekend affollato a San Miniato con la risottata e il maxi-tartufo

E' bastata una bella giornata di sole affinché le strade del centro storico di San Miniato si riempissero nuovamente di visitatori alla Mostra Mercato del Tartufo Bianco, giunta alla 51esima edizione. Dopo un sabato purtroppo bagnato in cui la console americana a Firenze Ragini Gupta, l’allenatore della Cremonese Massimiliano Alvini e il difensore della Roma Gianluca Mancini sono stati insigniti dell’onorificenza di ambasciatori del tartufo bianco di San Miniato, anche la domenica ha riservato molte iniziative.

Al mattino a Casa Tartufo l’Associazione Cuochi dell’Alleanza Slow Food Toscana (rappresentata da Leonardo Turrini e da altri chef locali e non) ha ricevuto il premio Renato Tozzi, direttamente consegnato da Silvia Tozzi, figlia di colui che più di tutti contribuì a iniziare la tradizione della sagra – poi diventata mostra – del tartufo, nel lontano 1969. Tozzi – storico chef del ristorante Miravalle - era solito offrire gratuitamente in piazza Duomo il risotto al tartufo, un rito che ha voluto riprendere Gilberto Rossi, chef del Pepenero.

Così, alle 17.30 circa, Rossi ha offerto in piazza tantissime porzioni di risotto al tartufo, ripercorrendo le gesta di Tozzi. Nella stessa giornata a Palazzo Grifoni le associazioni Centro Studi Tardo Medioevo, Moti Carbonari, Mercato della Terra, Condotta Slow Food San Miniato e Movimento Shalom hanno ricevuto il premio “San Miniato città del buon vivere”.

Chi, invece, è passato dagli stand dei commercianti di tartufo sempre in piazza Duomo, ha potuto apprezzare un esemplare che per l’annata 2022 è quasi da record: è quello da 575 grammi, trovato da un tartufaio di San Miniato nella mattinata di sabato e messo in vendita da Selektia Tartufi. Adesso appuntamento col terzo e ultimo weekend della Mostra, sabato 26 e domenica 27 novembre; anche per questa due giorni Fondazione San Miniato Promozione ha preparato un cartellone ricco di eventi, con ovviamente al centro il celebrato re del novembre sanminiatese: il tartufo bianco.

(foto Stefano Bertoncini, Simone Borghini, Danilo Puccioni, gonews.it)