Use Rosa vola alto, Calamai svela il segreto del successo

Nadia Calamai
Nadia Calamai

Iniziamo dai numeri: cinque vittorie nelle prime cinque partite, tre scontri diretti vinti due dei quali in trasferta, seconda posizione in classifica appena due punti dietro a Bologna che ha comunque giocato una partita in più. E’ piacevole commentare i numeri di questo inizio di campionato dell’Use Scotti Rosa, forse anche rischioso perchè c’è la possibilità di volare troppo in alto quando la strada da percorrere è invece ancora molto lunga. La cosa migliore, così, è farli commentare ad una giocatrice d’esperienza come Nadia Calamai che, contro Galli San Giovanni, ha giocato un’ottima gara.

"Siamo felicissime – attacca l’esterno fiorentino – se devo essere sincera non mi aspettavo assolutamente un inizio del genere e quindi da questo non possiamo che prendere slancio ed entusiasmo per proseguire su una strada che è ancora lunghissima".

Le premesse sembravano un po’ diverse. "Ovvio che siamo partite per far bene, ma non tutto è filato liscio all’inizio. Io non stavo benissimo come la Rosellini, Pochobradska tornava dopo il problema che aveva avuto nella passata stagione, Brunelli ha accusato qualche fastidio in preparazione, tutti segnali che ci consigliavano prudenza. Poi, invece, siamo partite molto bene e siamo qui a commentare numeri importanti che però, lo ripeto, vanno lasciati lì. Noi dobbiamo pensare a migliorare cosa non va senza pensare ad altro e, soprattutto, gestendo bene la stagione. Alla fine quello che conta sono le partite finali e l’anno scorso ci siamo forse arrivate un po’ scariche. Da questo punto di vista, quindi, dobbiamo migliorare".

Parliamo della squadra uscita dal mercato: via quattro giocatrici importanti, dentro solo una nuova e poi spazio alle giovani. "Sono scelte – prosegue Nadia – e come ogni scelta ha i suoi pro e i suoi contro. L’anno scorso le rotazioni più lunghe ci hanno consentito di vincere diverse partite, quest’anno invece siamo più corte ma abbiamo messo dentro tanta qualità con Brunelli. Vediamo come andranno le cose nelle prossime gare, finora i fatti dicono che la scelta è stata giusta".

Quello che non cambia è lo spirito della squadra che pare immune a tutto. "La spiegazione sta nel fatto che non molliamo mai non solo negli arrivi punto a punto, ma anche durante la partita quando capita magari di prendere un parziale. Ci crediamo sempre e questo spiega il perché di tante vittorie ottenute questo e lo scorso campionato in volata o al supplementare. Poi c’è naturalmente anche Alessio Cioni che ha la sua parte importante di merito nel gestire le partite".

Chiudiamo col match si sabato ad Alghero, temi che possa esserci un calo di tensione passando da avversarie sulla carta importanti all’ultima della classe? "No – chiude decisa Calamai – noi non dobbiamo guardare chi c’è davanti ma fare la nostra partita sempre o comunque. Oltretutto sabato avremo anche le difficoltà logistiche legate al viaggio e quindi è fondamentale avere l’approccio giusto. E sono certa che sarà così". Parola di Nadia Calamai.

Fonte: Use Basket Empoli

Tutte le notizie di Basket

<< Indietro

loading...
torna a inizio pagina