Una radio che parla d'Italia in Brasile con accento toscano: ecco 'Buongiorno San Paolo'

buongiorno_san_paolo

Una radio che parla d'Italia, ma in Brasile. L'obiettivo è raccontare i viaggi, le storie e i sogni di italiani che hanno lasciato lo stivale per immergersi nelle trascinanti melodie del paese della Samba.

Questo è 'Buongiorno Sanpaolo', la webradio nata dall'idea di due italiani che da anni lavorano nella capitale brasiliana. Un progetto che parla con accento toscano: Alessandro Gaini è di Malmantile, frazione di Lastra a Signa, mentre il suo 'collega' Federico Vegna è di La Spezia, ma lavora per la Savino del Bene di Scandicci.

Gaini ha studiato a Empoli alla Santissima Annunziata fino alle superiori, poi si è laureato in Scienze Politiche a Firenze e ha conseguito la Specialistica alla Luiss di Roma. Dopo un tirocinio nell'Istituto di Commercio Estero, un giro per il Sud America e un'esperienza a Londra, adesso lavora da 4 anni a San Paolo nel settore del commercio per un'azienda del Nord Italia. Appassionato di Podcast e di Radio ha diretto un progetto radiofonico con Radio Luiss.

Alessandro e Federico si sono incontrati per motivi di lavoro e hanno scoperto di avere in comune la passione per la radio. Così 5 mesi fa "quasi per scherzo" è nata 'Buongiorno San Paolo' (Ascoltabile qui - http://buongiornosanpaolo.com.br/) . Si tratta della prima radio interamente in italiano rivolta agli italiani.

"Tutto è nato quasi per scherzo - ci spiega Alessandro - , ma col passare dei mesi abbiamo visto una rete costante di persone che ci seguivano, quasi tutti italiani che vivono qui in Brasile. I nostro obiettivo è fare una radio per la comunità italiana, principalmente nell'area di San Paolo, ma in generale in tutto il paese. Abbiamo pagato le spese per partire e registrato il nostro nome. Al momento non abbiamo nemmeno uno studio, utilizziamo una sala di un caffè letterario. L'obiettivo però è di farci conoscere e diventare un punto di riferimento per gli italiani in Brasile"

La radio, disponibile solo su internet e con una programmazione limitata, sta facendo i primi passi, ma l'obiettivo è quello di poter offrire una programmazione sempre più ampia. A soli 5 mesi dall'apertura è ascoltata da qualche migliaio di persone e le visualizzazioni settimanali su facebook sono circa 3mila.

La radio vuole diventare una 'voce amica' per tutti quegli italiani che hanno scelto o si sono ritrovati a vivere in Brasile: storie di viaggio, di lavoro, di avventura e di amore che parlano italiano.

"Gli italiani in Brasile - racconta Alessandro - sono moltissimi, ma ognuno è per conto proprio. Ci sono realtà comunitarie come il Comitato Italiani all'Estero o il Circolo italiano, ma sono poco frequentate". L'obiettivo, quindi, è quello di creare uno spazio di aggregazione e dare voce alla comunità italiana.

Nei pochi mesi di attività hanno raccontato la loro storia piccoli imprenditori, scrittori, professionisti che si sono 'reinventati' blogger o hanno avviato una nuova attività. Piccole storie di vita che diventano patrimonio di una comunità.

La radio ha anche un obiettivo 'educativo': dare informazioni su mostre, iniziative, musei, oppure fornire spiegazioni sulle modalità di voto per gli italiani all'estero, come accaduto per le scorse elezioni politiche.

La strada da percorrere è lunga: il progetto è quello di creare una radio con una diffusione continua 24h su 24, dando spazio anche alla musica che al momento non è presente nella programmazione. "Al momento - spiega Federico - si tratta di un hobby e di un progetto sperimentale. Vogliamo ampliare la programmazione. In questo senso abbiamo già cercato degli sponsor e delle collaborazioni che ci possano permettere di ampliare la programmazione e dare vita ad una radio 'vera' sul web"

Ad oggi 'Buongiorno San Paolo' è composta di una sezione articoli chiamata 'Voci dal brasile' con storie e notizie di vario tipo e una trasmissione alla settimana scaricabile in podcast.

Un simpatico vademecum su 'Come sopravvivere in Brasile', un romanzo che parla del rapporto tra calcio e vita, la storia di una 'Mamma italiana a San Paolo', le 'Storie di italiani di successo' o il racconto di un fotografo italiano che non può fare a meno di 'rubare' i baci delle coppie di San Paolo: ogni puntata dimostra che c'è sempre un po' d'Italia ovunque, anche in Brasile.

 

Giovanni Mennillo

Tutte le notizie di Lastra a Signa

<< Indietro
torna a inizio pagina