Carta, Marchi, in primi 7 mesi 2018 industria cresce di +1,9%


È l'Economia circolare il tema al centro del dibattito di apertura della conferenza stampa Miac. Le cartiere sono un attore fondamentale dell'economia circolare per la produzione di oltre nove milioni di tonnellate di carta annue (2017). a partire da un materiale rinnovabile, e con l'utilizzo di cinque milioni di tonnellate di carta da riciclare (2017) con un tasso medio di circolarità del 55%, e più dell'80% nell'imballaggio, uno dei più alti d'Europa.  Si è messo poi l'accento sulla necessità di ritrovare un dialogo tra imprese e amministrazioni per conseguire gli obiettivi dell'economia circolare e che, quindi, si assicuri agli scarti del riciclo la priorità di recupero e di smaltimento nelle infrastrutture per la gestione dei rifiuti.

Girolamo Marchi, presidente di Assocarta, nel corso dell'inaugurazione del Miac di Lucca, manifestazione ufficiale di Assocarta, patrocinata da Confindustria Toscana Nord,  organizzata da Edipap ha dichiarato che "l'industria cartaria italiana è al quarto posto a livello europeo dopo Germania, Svezia e Finlandia con una produzione di carta e cartone di 5,5 milioni di tonnellate nei primi sette mesi del 2018 (+1,9 sul 2017) sostenuta principalmente da una domanda interna in aumento (nei primi 6 mesi del 2018) del 6% con dinamiche importanti in tutti i comparti e particolarmente positivi delle carte per usi grafici (+6,3%) e carte e cartoni per packaging (+6,7%)".

"Il fatturato nei primi sette mesi 2018 è stimato intorno ai 4,7 miliardi di euro, in aumento del 6,8%, risultato connesso con la necessità delle cartiere di recuperare gli ingenti rincari delle cellulose arrivate al record storico di 1230 $/tonnellata. Da inizio 2016 ad oggi: +52% pari a +420 $ per tonnellata le fibre lunghe, +62% (+400$/tonnellata) le corte".

 

Tutte le notizie di Lucca

<< Indietro
torna a inizio pagina