Mai più una guerra, il messaggio degli studenti di Poggibonsi

poggibonsi_messaggio_scuole_guerra__2

Sfogliare pagine di Storia pesanti come il carico di sofferenza che si portano dietro da 100 anni. È attraverso la scoperta e la lettura delle lapidi del cimitero di Poggibonsi, che i ragazzi delle scuole medie del terrotorio hanno conosciuto quei giovani che diedero "la vita ed ebbero in cambio una croce", morti nella Prima Guerra Mondiale di cui si ricorda in questi giorni il centenario della fine. L'esperienza degli studenti si è tradotta in un libro, Viaggio nella Grande Guerra curato dalla 3B Marmocchi e 3F Leonardo da Vinci, che unisce il dolore privato al ricordo pubblico che si fa memoria e che è stato presentato stamani nei locali della Unicoop di via Trento a Poggibonsi.

Lapidi come pagine di Storia da sfogliare. «All'inizio aveva prevalso il senso di smarrimento in ragazzini di 13 anni che si sono trovati di fronte alla morte. Poi è stata una scoperta. Le lapidi sono memoria, la memoria è storia e la storia è maestra di vita. Gli epitaffi hanno commosso i ragazzi perché le lapidi hanno reso vicini e reali fatti e tragedie che lette sui libri sembrano lontane, irreali», commenta la professoressa Silvia Cortigiano della media Marmocchi. «Abbiamo scoperto giovani poggibonsesi morti proprio in quelle battaglie a cui Poggibonsi ha dedicato vie, come Montegrappa o Col di Lana, e scoperto giovani poco più grandi di loro, come Socrate Sardelli che morì nel 1915 a guerra penna iniziata, a soli 18 anni».

Il dolore privato che si fa pubblico. Le lapidi sono pietre della memoria che hanno fatto scoprire un mondo lontano un secolo, ma vicino nei sentimenti, di ragazzi non ancora maggiorenni anni partiti alla guerra e morti dopo pochi giorni pieni di entusiasmo. Storie di una generazione che non ha potuto vivere amori, sogni, vita ma il cui ricordo rimane scritto in lettere, diari, e nelle frasi scritte sulle lapidi che ricordano il loro coraggio. «Questo progetto ha insegnato loro ad alzare il naso dal telefonino ed a porsi delle domande riflettendo su cose che spesso neppure notano. Eppure la storia li aspettava sulle strade che percorrono sempre, lì hanno incontrato eroi, ragazzi anche poco più grandi di loro che cento anni prima furono chiamati a partecipare ad una guerra e che morirono lontano da casa. Sicuramente questo ha fatto apprezzare ancora di più il mondo di pace in cui vivono», ha sottolineato Rita Aminti, professoressa della Leonardo Da Vinci.

Il ricordo da sfogliare come un libro. Il progetto, Il Cammino della Memoria e la realizzazione del libro, sono stati curati da Claudio Rugi e Fiorella Cilemmi. «L'idea è nata lo scorso anno con il tema, appunto, legato alla Prima Guerra e in particolare le lapidi dei caduti di Poggibonsi e la toponomastica di vie e piazze dedicate ai luoghi e ai caduti. Oltre alla presentazione di stamani, gli studenti saranno presenti all'iniziativa in programma il 31 ottobre alla quale parteciperà anche la cantante Letizia Fuochi con canzoni contro la guerra». La celebrazione dei cento anni dalla fine delle Grande Guerra e tutte le iniziative correlate finite in un calendario di eventi “Da Caporetto a Vittorio Veneto” che terminerà il 4 novembre, è stata coordinata dal Comitato Poggibonsese per il Centenario della Prima Guerra Mondiale con Astop, Unuci Siena, Unicoop Firenze in collaborazione con Via Maestra e con il patrocinio del Comune.

Fonte: Comune di Poggibonsi - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Poggibonsi

<< Indietro
torna a inizio pagina