Spara e uccide il ladro, i furti non sono 38 ma 4. Pacini non risponde al pm

Arrivano novità dal caso di Monte San Savino. Fredy Pacini, il gommista che ha sparato a un ladro e lo ha ucciso, non avrebbe realmente subito trentotto furti come dichiarato inizialmente. I furti 'reali' ammonterebbero a quattro (due nel 2014 e gli altri in seguito), il resto sarebbero stati solo sospetti segnalati dallo stesso Pacini. Sono stati i carabinieri a dare la cifra esatta e a parlare non propriamente di furti ma di tentativi di furto all'interno del locale di Pacini.

Ci sono aggiornamenti anche dall'autopsia su Vitalie Tonjoc, il 29enne di origini moldave ucciso mentre tentava di rubare nella ditta. L'autopsia sarebbe ancora in corso, ma secondo quanto già emerge la Tac ha rilevato la presenza di un proiettile in una gamba. I medici legali hanno ricostruito con la Tac le traiettorie dei due colpi che hanno raggiunto il 29enne. Uno è all'arto inferiore, l'altro di lato. L'esame prosegue con altri accertamenti.

I risultati dell'autopsia: Tonjoc ucciso mentre scappava

Tonjoc è morto per uno choc emorragico mentre scappava. Questo è uno dei primi risultati emersi dall'autopsia che si è conclusa all'obitorio di Arezzo nel pomeriggio di oggi, venerdì 30 novembre, poco prima delle 16. Il 29enne è stato colpito da due proiettili: uno vicino a un ginocchio, l'altro è andato più alto, vicino al bacino e non c'è foro di uscita. Questo secondo colpo potrebbe aver leso un'arteria, probabilmente la femorale, che ha causato un dissanguamento interno. Il proiettile è stato individuato. Uno sparo ha raggiunto la vittima davanti, a una gamba, l'altro, più in alto, è stato un colpo frontale-laterale e sarebbe stato quello mortale.

Fredy Pacini non risponde al pm

Come hanno riferito i suoi legali all'uscita dal palazzo di giustizia di Arezzo, Fredy Pacini si è avvalso della facoltà di non rispondere in occasione dell'interrogatorio questo pomeriggio davanti al pm Andrea Claudiani. Pacini e gli avvocati attenderanno la relazione sul'autopsia, che arriverà tra 60 giorni, e hanno chiesto al pm di effettuare un sopralluogo alla ditta a Monte San Savino.

Polemica in Consiglio regionale per l'odg Lega

Polemica in Consiglio regionale per un ordine del giorno, respinto, presentato dalla Lega. Il Carroccio chiedeva alla Regione di stanziare 10mila euro per contribuire alle eventuali spese legali di Fredy Pacini. Il documento è a firma dei consiglieri Elisa Montemagni (capogruppo), Jacopo Alberti e Marco Casucci. L'odg era collegato alla seconda variazione al bilancio 2018-20 ed è stato respinto.

Numerosi precedenti per Tonjoc

Il moldavo ucciso aveva numerosi precedenti per furto in Italia, su di lui gravava un'ordine di carcerazione della procura di Milano, come hanno scoperto i carabinieri aretini. Inoltre è emerso che il passaporto usato per rientrare in Italia il settembre scorso riporta accanto al suo nome il cognome della moglie - cosa che in Moldavia è possibile fare - e questo gli consentiva di non essere identificato.

Tutte le notizie di Monte San Savino

<< Indietro
torna a inizio pagina