Panificio Toscano, Cobas: "Protesta alla Coop"

foto di archivio
foto di archivio

Ancora sciopero al Panificio Toscano. Oggi pomeriggio i lavoratori sono andati alla Coop di Parco Prato,  con una protesta davanti al reparto “forno” del supermercato.  Una protesta pacifica e informativa, fatta da un megafono, cartelli e alcuni volantini che è stata aggredita in maniera assurda dal personale della sicurezza del supermercato dando vita un parapiglia immotivato ed irresponsabile. Chi ha paura della verità?

Dopo l’internalizzazione dei lavoratori da parte di Panificio Toscano la vertenza è lontana da essere risolta. I lavoratori che producono il pane e i dolci che finiscono sugli scaffali Coop  continuano a rivendicare da mesi l’applicazione del CCNL Panificatori industriali, contestando una realtà di sfruttamento e negazione dei diritti. La UniCoop vanta un “Codice Etico” per i propri fornitori, che dovrebbe garantire la tutela dei diritti dei lavoratori, ma di fronte alla situazione creatasi al Panificio Toscano continua a fare orecchie da mercante. In che modo farebbe applicare il suo Codice Etico? La Coop vuole davvero continuare a negare l’evidenza  che  il Panificio Toscano è una realtà industriale a pieno titolo, e non una bottega artigianale?

Per tutto il mese il dicembre continuerà il boicottaggio dei supermercati Coop e lo stato di agitazione dei lavoratori.

Panificio Toscano e lavoratori vittime di facinorosi: UniCoop ci ripensi Dichiarazione del segretario reggente della Uila Territori Toscani, Guido Majrone

“Quanto è accaduto oggi alla Coop di Parco Prato è gravissimo, e lo è ancora di più il fatto che per un gruppo di facinorosi da domani la produzione di un’intera azienda sia ferma e con essa tutti i suoi dipendenti”.

È quanto ha dichiarato Guido Majrone, segretario reggente della Uila Territori Toscani, in merito alla sospensione delle commesse da parte di UniCoop alla Panificio Toscano, a seguito dell’irruzione in un supermercato di Prato di un gruppo di persone appartenenti ai Cobas di Prato-Firenze.

“Il metodo utilizzato da questi signori non ha niente a che vedere con la tutela dei diritti dei lavoratori ma produce solo effetti negativi. Esprimiamo solidarietà a Panificio Toscano, che è una delle maggiori realtà artigiane della Toscana, e ai suoi dipendenti che, a causa di quanto accaduto, da domani sono senza lavoro.

Invitiamo UniCoop a ripensare alla propria decisione e, al contempo, facciamo un appello al Prefetto e alle altre istituzioni affinché intervengano con forza e determinazione per porre rimedio a questa situazione”.

Fonte: COBAS Prato-Firenze

Tutte le notizie di Prato

<< Indietro
torna a inizio pagina