Un libro e una mostra per il campione olimpionico Paolo Galletti

Paolo Galletti il terzo da sinistra

È la passione per la vita il filo rosso che attraversa le più importanti stagioni professionali e artistiche di Paolo Galletti. Nuotatore e pittore innamorato del mondo, protagonista di un percorso poliedrico, costellato di grandi successi, che affermò una carriera prestigiosa, lunga quasi cinquant’anni, a partire dal secondo dopoguerra. Paolo Galletti, classe 1937, fiorentino di origine e tavarnellino di adozione, era un numero uno.  Lo era nello sport, con la sua grande passione per il nuoto che aveva appreso nelle acque dell’Arno e che lo elesse più volte campione, italiano ed europeo. Tra i suoi successi più significativi ricordiamo l’anno in cui riuscì a salire sul podio, medaglia d’argento nella 4×200 agli Europei del 1958 a Budapest e in quella stessa edizione Galletti conquistò il bronzo nei 400 e un quinto posto nei 1500.

Era un personaggio di spicco anche grazie al talento eclettico che lasciò un segno nel mondo dell’arte. La pittura geometrica, attratta dalle tecniche e dagli strumenti della grafica, era il linguaggio in cui l’artista esprimeva meglio i tratti distintivi della propria anima, forte, stravagante, al di fuori degli schemi. Uno stile e uno spirito libero. E’ così che lo ricordano gli amici Paolo Pepino e Paolo Santagati, curatori del volume pubblicato da Polistampa nel 2018 che accende una luce inedita sulla vita del campione olimpionico ripercorrendo il cammino professionale dal titolo “Paolo Galletti, stile libero”. Con le stesse parole lo ricordano i figli Maria Cristina, Laura e Massimo che avranno l’occasione di ricordare il padre in occasione del doppio evento organizzato dall’Unione comunale del Chianti fiorentino. Domenica 2 dicembre si terrà la presentazione del libro alle ore 17 nella sala consiliare Luigi Biagi del Palazzo comunale e sabato 15 alle ore 18 in via Roma aprirà i battenti negli spazi dell’ex farmacia la mostra a cura di Francesco Bruni e Paolo Santagati.  Oltre alle medaglie Paolo Galletti portava con sé, in giro per il mondo, anche le sue opere. I quadri sono stati esposti a Parigi, a Bologna, a Firenze, a Milano e a Torino.

“E’ stato un uomo che ha vissuto per le sue grandi passioni – commentano i figli - un padre che ha compiuto opere straordinarie con grande naturalezza, il babbo amava certamente vincere e il senso di sfida lo appassionava ma ciò che lo spingeva ad andare avanti era l’interesse reale e profondo per il nuoto, a prescindere dai risultati ottenuti”.  “Ne ricordiamo lo spirito libero – continuano - indipendente, autonomo, a tratti ribelle, le regole gli stavano un po' strette ma non a tal punto di impedirgli di farle proprie, come dimostrano i labirinti geometrici che caratterizzano la selezione di opere in mostra legate al codice alfabetico”. Le qualità e la caratura del campione tavarnellino sono al centro del doppio evento che l’Unione comunale, attenta ad esaltare i risultati e i personaggi di spicco nel mondo sportivo del passato e del presente, ha dedicato a Paolo Galletti.

“Galletti era uno di noi - precisa il sindaco David Baroncelli - nonostante i grandi risultati conseguiti, lo sportivo non si vantava del proprio percorso, è stato un grande personaggio del suo tempo per l'umiltà che ne connotava il carattere,  proponiamo un omaggio a Paolo Galletti dalla duplice valenza, sportiva e culturale, ringraziamo gli amici, i curatori del libro e la famiglia per aver contribuito a realizzare questo evento che racconta un'importante pagina della storia della nostra comunità”.

“È stato uno degli atleti di eccellenza del nostro territorio approdato sulla scena internazionale – conclude l’assessore allo Sport Marco Rustioni - un personaggio che si è distinto grazie anche alle sue doti artistiche. Siamo orgogliosi di testimoniare la ricchezza e il fermento sportivo nobilitati da personaggi che hanno lasciato segni indelebili all'interno della collettività. Nel caso di Paolo Galletti il valore sportivo assume una connotazione ancora più forte, se pensiamo ai tempi in cui si affermò, quando lo sport era anche riscatto sociale, passione e vero sacrificio, un esempio e una lezione di vita che dovremmo recuperare nella contemporaneità”.

Saranno presenti e interverranno David Baroncelli, presidente dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino, Giacomo Trentanovi, assessore alla Cultura dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino, Andrea Pieri, presidente Rari Nantes Florentia A.S.D. e vice presidente Federazione Italiana Nuoto, e i curatori Paolo Pepino e Paolo Santagati. Saranno presenti i campioni di nuoto Filippo Megli e Lorenzo Zazzeri.

Fonte: Ufficio Stampa Associato del Chianti Fiorentino Comuni di Barberino Val d'Elsa, Greve in Chianti, San Casciano Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa

Tutte le notizie di Tavarnelle in Val di Pesa

<< Indietro
torna a inizio pagina