Fidi Toscana, Marras (Pd): "Giusto che ci sia un equo compenso"

«Capisco le valutazioni del presidente Rossi sull’argomento degli aumenti dei compensi del Cda. Leggendo la delibera della giunta, il costo complessivo delle indennità è stato decisamente ridotto per effetto della diminuzione del numero dei componenti. Dunque, il polverone alzato dalle opposizioni variamente colorate è davvero eccessivo e sgangherato. Le partecipate della Regione Toscana sono guidate da amministratori che percepiscono 30€ a gettone, questa è la realtà.

Fidi Toscana è una vera e propria banca i cui amministratori hanno responsabilità dirette e sono sottoposti a vigilanza anche da parte di Banca d’Italia. Osservo che se le responsabilità non vengono assunte poi siamo costretti a approvare bilanci in perdita. Demagogia e superficialità teniamole fuori, a guidarci sia il buon senso. Chi svolge quel ruolo è giusto che abbia un giusto ed equo compenso. Fare altri discorsi significa solo prendere in giro i cittadini. Abbiamo fiducia nel lavoro e nelle decisioni che la giunta regionale,  saprà assumere a riguardo».

Lo dice Leonardo Marras, capogruppo del Pd in Consiglio regionale, intervenendo sulla polemica relativa agli aumenti dei gettoni di presenza per il CdA di Fidi Toscana.

Fonte: Consiglio Regionale dellaToscana

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina