Pisa fuori dalla Rete Ready, Diritti in Comune: "Ennesimo atto discriminatorio"

Dopo aver rinunciato al finanziamento per una campagna comunicativa contro l'omofobia e la transfobia, la giunta Conti ha deliberato ufficialmente l'uscita dalla Rete Ready, la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Si tratta dell'ennesimo atto di un'amministrazione, i cui tratti caratterizzanti sono l'omofobia, il sessismo e la discriminazione contro ogni diversità. Le istituzioni, al contrario, devono poter garantire diritti e dignità per tutti i cittadini e tutte le cittadine.

Quarant’anni fa, nel 1979, Pisa è stata la prima città in Italia ad ospitare un Pride in risposta alle violenze e all’odio che all’epoca si riversavano sulla comunità LGBTI+. E nel 2019 è stata scelta per ospitare il Toscana Pride, proprio per riaffermare le ragioni di quella scelta. In quell'occasione, saremo al fianco delle associazioni e della comunità LGBTI+ nelle loro richieste di uguaglianza. Come lo saremo sempre, dentro e fuori del consiglio comunale, impegnandoci fin da adesso perché Pisa rientri al più presto dentro la Rete Ready.

Diritti in comune (Una città in comune, Rifondazione Comunista, Pisa Possibile)

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro
torna a inizio pagina