Uccidono un cinghiale a colpi di mazza e accetta, bracconieri denunciati

carabinieri_forestale_generica_pattuglia_vettura_auto_2017_04_21

 

Hanno ucciso un cinghiale a colpi di mazza e accetta dopo averlo catturato con un laccio di metallo. È accaduto a Terranuova Bracciolini. I due bracconieri, albanesi, residenti a Montevarchi, sono stati denunciati dai carabinieri forestali nel corso di un servizio antibracconaggio: i militari hanno intercettato i due che stavano trascinando la carcassa del cinghiale con un trattore.

L'animale presentava la testa completamente fracassata e una zampa era ancora stretta da un canapo di acciaio che gli ha inciso la carne fino all'osso. Al sopraggiungere dei carabinieri i due bracconieri hanno gettato in un cespuglio di rovi una mazza e una grossa accetta, utilizzate per uccidere il cinghiale e ancora sporche di sangue, ma il gesto è stato notato dai militari.

Uno dei due uomini ha ammesso di aver ucciso l'animale e che lui stesso aveva piazzato il laccio in cui il cinghiale era rimasto intrappolato. Il bracconiere ha inoltre consegnato alcuni lacci che ancora non aveva utilizzato e ha accompagnato i militari nel luogo in cui l'animale era stato catturato dove erano presenti altre tre trappole già piazzate.

Tutte le notizie di Terranuova Bracciolini

<< Indietro
torna a inizio pagina