Usb: "Esselunga perde il ricorso in tribunale"

Dopo la vittoria dell'art. 28 intrapreso da USB contro Esselunga, accusata di aver intralciato le elezioni RSU indette da USB nel 2017, l'azienda ha proseguito l'iter giudiziale, ricorrendo contro il primo grado di giudizio. La sentenza, arrivata a metà dicembre, è di quelle che ripagano di tante battaglie di USB dalla parte dei lavoratori. E non solo perché rigetta in toto il ricorso di Esselunga e conferma la legittimità ad agire di USB in quel caso specifico. O perché dimostra che la lotta, quando portata avanti con determinazione, ripaga sempre e si può vincere anche contro giganti che sembrano imbattibili. Così recita la sentenza:

“...le condotte omissive censurate, compiute a seguito dell'unilaterale decisione di FILCAMS CGIL di sospendere le procedure elettorali, si sono in realtà tradotte in un comportamento che, lungi dall'essere stato “neutrale”, ha comportato che la società prendesse posizione all'interno del conflitto tra organizzazioni sindacali, avallando la decisione della FILCAMS e l'interpretazione – da quest'ultima sostenuta – circa la sussistenza, in capo all'organizzazione sindacale che aveva indetto le elezioni, del relativo potere di revoca ...”. Questa sentenza rimette le cose al proprio posto.

Fonte: Usb - Ufficio Stampa

Tutte le notizie di Firenze

<< Indietro
torna a inizio pagina