Sgombero campo rom, il M5S in Parlamento chiede conto: "Ruspa ha solo spostato il problema?"

Yana Chiara Ehm (foto da Facebook)
Yana Chiara Ehm (foto da Facebook)

"Ponsacco e Cascina hanno diritto di sapere come sia stato gestito lo sgombero del campo Rom di Navacchio, che di fatto sembra aver semplicemente spostato il problema qualche chilometro più in là. Ci ricordiamo bene gli escavatori in funzione e le facce sorridenti che immortalavano gli amministratori leghisti di Cascina.

Il problema è sorto qualche giorno dopo però, quando ci sono giunte dai territori, le notizie di come evidentemente erano stati investiti i 500 euro a persona, concessi come "trattamento di fine rapporto" con il comune pisano: alcune famiglie si sono trasferite in albergo nei dintorni della provincia e adesso si trovano in difficoltà, altre si sono andate ad aggiungere ai già numerosi abitanti dello stabile di via Rospicciano a Ponsacco: una zona centralissima, nel pieno degrado.

Per questo motivo, lunedì saremo con il mio collega Francesco Berti e i consiglieri 5 Stelle dei due comuni interessati, a colloquio con il #Prefetto di Pisa: vogliamo capire quale sia la soluzione ipotizzata per gestire quella che risulta una situazione precaria e instabile, oltre a verificare che tutti i minori sfollati siano stati seguiti dai servizi sociali per garantire la prosecuzione degli studi. Garantire integrazione insomma, ma anche sicurezza.
Ad ora nessuna risposta dagli amministratori di Cascina è giunta. Ho io stesso inoltrato una richiesta al doppio indirizzo mail di Edoardo Ziello, quello come deputato e quello come sssessore al Sociale.

Insomma, non è che con la ruspa non è forse semplicemente stato spostato il problema? Vogliamo vederci chiaro".

Yana Chiara Ehm, deputato Movimento 5 Stelle

Tutte le notizie di Cascina

<< Indietro
torna a inizio pagina