'Sondaggio' su come usare soldi pubblici, Lega critica M5S a Castelfranco

mottini_guido_castelfranco_di_sotto_presentazione_lega_nord_2017_05_26__

"I Cinque Stelle di Castelfranco di Sotto annunciano 'urbi et orbi' che, con la manovra finanziaria approvata anche con il contributo della Lega, sono stati stanziati 400 milioni di euro per il piani di investimento in piccole opere. Il nostro comune riceverà 100mila euro da utilizzare entro il 15 maggio per opere di messa in sicurezza di scuole, strade e patrimonio, al momento non previste nel piano dei lavori.

Bene, una boccata di ossigeno che potrà permettere ai nostri attuali amministratori, qualora ne abbiano capacità ed intenzioni, di effettuare lavori non calendarizzati. Quello che ci lascia sconcertati, però, è l'idea dei pentastellati di lanciare una sorta di referendum chiedendo ai cittadini come spenderebbero questi soldi. Saremmo quasi tentati di rispondere in maniera folkloristica, ma certamente verremmo accusati di essere un po' volgarotti. Risparmiamo le battute per chi può avere lo spirito di apprezzare, però una considerazione la vogliamo formulare: fare politica significa assumersi delle responsabilità, significa dire chiaramente ai cittadini che cosa si intende fare e non chiedere continuamente a loro cosa dobbiamo fare. Se così non fosse, l'incarico che gli elettori affidano ai loro rappresentanti verrebbe svuotato di ogni significato. Cari signori a 5 stelle, il refrain ormai stucchevole del 'noi siamo portavoce' ha leggermente stancato anche perché privo di senso.

I cittadini votano un programma e persone che poi devono attuarlo e prendere si conseguenza tutta una serie di decisioni, con tutto ciò che questo comporta, assunzioni di responsabilità comprese. Con il vostro modo di fare, perennemente in attesa di contare i click e vedere quale opzione gli internauti hanno scelto, fate pensare che andare a votare diventa superfluo bastano, a questo punto, incaricare un qualsiasi dipendente pubblico di fare sistematicamente consultazioni per decidere cosa fare.

La conclusione, assai aberrante, sarebbe che la responsabilità è di tutti e dunque di nessuno. Se questa è la concezione della politica che voi avete e se così intendete gestire la "cosa pubblica", siamo felici di essere lontani mille miglia dal vostro modo di ragionare. Per noi amministrare significa decidere, assumersi responsabilità anche pesanti, magari anche sbagliare, ma senza mai usare l'alibi dello scaricabarile sui cittadini. Fare politica non è fare consultazioni pilatesche o fare i meri annunciatori dei risultati di un sondaggio, non è certo di questo che hanno bisogno i cittadini, che passerebbero così da una amministrazione assente a una inconcludente e alla mercé di chi ha più dimestichezza con i click.

Lega Castelfranco di Sotto"

Lega Castelfranco di Sotto

Tutte le notizie di Castelfranco di Sotto

<< Indietro
torna a inizio pagina