Pitti 95, #InPiediPerTutte il progetto di Cuoio di Toscana contro la violenza di genere

Cuoio di Toscana_Pitti 95 (4)

#InPiediPerTutte è il progetto di beneficenza promosso da Cuoio di Toscana, consorzio leader nella produzione di cuoio da suola con quote di mercato pari al 98% della produzione italiana e l’80% di quella europea, a sostegno delle donne vittime di violenza, presentato ieri al Cinema Teatro Odeon di Firenze, durante la serata evento organizzata in occasione di Pitti Immagine 95.

“Crediamo che la moda possa offrire un palcoscenico per lanciare messaggi sociali importanti – dichiara il Presidente di Cuoio di Toscana Antonio Quirici - e in questo momento uno dei temi di maggiore attualità è quello della violenza di genere, contro la quale abbiamo deciso di impegnarci come Consorzio sostenendo associazioni e iniziative sul territorio”.

Nel corso della serata sono intervenute le rappresentanti delle tre realtà coinvolte nel primo evento organizzato nell’ambito di #InPiediPerTutte, Diana Palomba, Presidente dell’associazione Feminin Pluriel Italia, Claudia D’Agnone, fondatrice di Sentiero 103, Carla Pochini, Presidente Casa delle Donne di Pisa. Il progetto di beneficenza si articolerà con diverse iniziative pubbliche durante l’anno per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema.

L’evento, a cui hanno preso parte i rappresentanti delle aziende di Cuoio di Toscana, oltre a stampa specializzata e operatori del settore moda, è stato inoltre l’occasione per presentare in anteprima il fashion film "Show your sole", idea e progetto di Fabiana Giacomotti, firma della moda e direttore scientifico del Master in Teoria e Strategie della Moda presso l'Università di Roma La Sapienza. Il cortometraggio, di Marco De Giorgi, autore dello stesso video di apertura di Pitti Uomo, ha il patrocinio di UNIC, di Lineapelle e Micam Milano.

Sulle note de “Il volo del calabrone”, terzo episodio dell'opera La favola dello zar Saltan di Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov, lo short movie racconta l’ultima fashion week di Milano da un punto di vista capovolto, rivelando il potere narrativo e seduttivo delle calzature e del movimento come “anima” e cuore di desideri e aspirazioni: la frenesia, la felicità, l’interesse, la noia, l’attesa dell’incontro. Il fashion film è una selezione delle 30 ore di girato, per 6 giorni di riprese, che ha coinvolto 25 “brand” di riferimento della moda internazionale: Giorgio Armani, Arthur Arbesser, Luisa Beccaria, Byblos, René Caovilla, Brunello Cucinelli, Doucal’s, Fragiacomo, Elisabetta Franchi, Iceberg, Les Copains, Loriblu, Loro Piana, Max Mara, Antonio Marras, Missoni, Philipp Plein, Emilio Pucci, Santoni, Vivetta a Emilio Pucci, da Daizy Shely a Antonio Marras, da Loriblu, Vionnet, Giuseppe Zanotti.

Il Consorzio Cuoio di Toscana

Cuoio di Toscana è un cuoio da suola unico ottenuto con concia lenta al vegetale, un processo antico basato sull’utilizzo di tannini naturali ricavati dal legno di castagno, mimosa e quebracho. Il marchio nasce con l’obiettivo di farsi portavoce nel mondo del distretto conciario. Le aziende che fanno parte del consorzio Cuoio di Toscana sono di Santa Croce sull’Arno (Bonistalli e Stefanelli Spa) e di San Miniato, località Ponte a Egola (Gruppo Conciario CMC International Spa, Conceria Gi-Elle-Emme Spa, Cuoificio Otello, Lamonti Cuoio Spa, Conceria 3S Srl e Volpi Concerie Srl).

Fonte: Ufficio Stampa

Tutte le notizie di San Miniato

<< Indietro
torna a inizio pagina