Morto durante controllo di polizia, la famiglia della vittima si rivolge agli avvocati

(foto gonews.it)
(foto gonews.it)
Fin dai momenti successivi alla morte di Arafet Arfaoui, Acad (associazione contro gli abusi in divisa) rende noto di avere avuto contatti con i familiari della vittima e che un avvocato dell'associazione si sta occupando, con il benestare della famiglia, di accertare che non ci siano stati abusi, motivo per il quale l'associazione si è attivata.
Ecco un estratto del comunicato diramato: "[...] I dettagli dei racconti dei testimoni ci hanno lasciati sconvolti, abbiamo fatto tutto il possibile per far capire alla famiglia che non è sola e che se vorrà potrà contare sulle forze di una rete solidale che sarà al suo fianco, e su avvocati preparati che sono stati già allertati e sono pronti insieme a periti legali a scrivere la vera verità sulla morte di Arafet. [...] Vi terremo aggiornati e chiediamo a tutti e tutte il massimo aiuto per mantenere alta l' attenzione su questo fatto gravissimo"

Tutte le notizie di Empoli

<< Indietro
torna a inizio pagina