Papa Francesco 'risponde' agli auguri dei bambini di Montaione. Pomponi: "In attesa per San Vivaldo"

(foto da Facebook)
(foto da Facebook)

Papa Francesco e Montaione sembrano due cose così distanti ma non sono mai state così vicine. Oggi, domenica 20 gennaio, il sindaco montaionese Paolo Pomponi ha pubblicato su Facebook una lettera che ha riempito d'orgoglio sia il primo cittadino sia tutta la comunità di Montaione. Il pontefice massimo ha infatti ringraziato Montaione e i bambini della scuola primaria per gli auguri inviati sia per il Natale 2018 sia per il compleanno di Bergoglio, che cade il 17 dicembre.

In Comune a Montaione è difatti arrivata una missiva dalla Santa Sede in cui Papa Francesco ha rivolto indirettamente i ringraziamenti e ha invitato, tra le altre cose, a "essere testimoni della semplicità contemplata nel presepe". Il sindaco incontrò Bergoglio a dicembre e lo invitò a passare dalle Gerusalemme di San Vivaldo.

Tanta è stata la soddisfazione di Pomponi, che ha riportato tutto sui social: "Dalla Santa Sede hanno cortesemente inviato una lettera in risposta agli auguri per le festività che avevo trasmesso al Papa a nome della nostra comunità. È forse superfluo sottolinearlo, ma anche al Papa gli Auguri sono stati inviati in forma cartacea con uno dei bellissimi biglietti preparati dai nostri eccezionali bambini della scuola primaria".

Infine il sindaco ha pubblicato una sorta di appello, o di pensiero, proprio verso Bergoglio. Nel Comune di Montaione è presente il celeberrimo convento di San Vivaldo, che con le sue cappelle è diventato ormai famoso in tutto il mondo: questa 'Gerusalemme' rappresenta uno degli esempi più significativi di riproduzione dei luoghi di Terra Santa in Occidente, a scopo di pellegrinaggio sostitutivo. E chissà che proprio Papa Francesco non voglia farci una visita, come conclude velatamente Pomponi: "Pensando a San Vivaldo, aspettiamo fiduciosi un'altra comunicazione dalla Santa Sede...".

Tutte le notizie di Montaione

<< Indietro
torna a inizio pagina