Scienza e territorio, ciclo di incontri alla GAMC di Viareggio

Al via "Scienza e territorio: gli effetti della ricerca nella nostra vita" un ciclo di incontri organizzato dal Comune di Viareggio in collaborazione con la Pisa University Press, la casa editrice dell’Università di Pisa. Sono cinque in tutto gli appuntamenti aperti al pubblico e animati da docenti dell’ateneo pisano: un venerdì al mese da gennaio a maggio 2019 sempre alle 16,30 alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Lorenzo Viani di Viareggio (Piazza Giuseppe Mazzini 11).

Si comincia il 25 gennaio con “Il dolore e la sua terapia nella medicina occidentale” al quale partecipano i due luminari di medicina Franco Mosca e Gianfranco Natale. Il 22 febbraio l’egittologa e archeologa Edda Bresciani parlerà invece delle meraviglie dell’Egitto antico. L’8 marzo spazio quindi alle questioni di genere con la conferenza "Donna e diritti: quale sostegno dalle strutture pubbliche?" tenuta dalle due scienziate politiche Rita Biancheri e Maria Grazia Ricci. Il 19 aprile saranno poi di scena le nuove frontiere della robotica fra problemi etici e giuridici con le ricercatrici Fiorella Battaglia dell’Ateneo pisano ed Erica Palmerini della Scuola Superiore Sant’Anna. La chiusura del ciclo è il 31 maggio con un incontro su attività motoria, benessere e salute tenuto da Marco Gesi, direttore del Centro di Medicina Riabilitativa “Sport and Anatomy”.

“E’ con piacere che annunciamo questa rassegna – commenta l’assessore alla Cultura Sandra Mei – per incontri di livello mai banali che accrescono il dibattito all’interno della Comunità. Un legame che si rinnova con l’Università di Pisa, rafforzato anche dalla presenza dello sportello della segreteria universitaria, e conferma un rapporto sempre più stretto con la nostra città”.

“La lotta alle informazioni scientifiche false – ha concluso il professore Paolo Rossi, presidente della Pisa University Press - comporta un difficile equilibrio fra la libertà di ricerca e la protezione dei cittadini nei confronti di una informazione ingannevole. L’Università deve quindi assumere un nuovo fondamentale obiettivo accanto a quelli tradizionali dell’alta formazione e della ricerca scientifica: il dialogo con la società per una corretta e consapevole fruizione del sapere”.

Fonte: Università di Pisa - Ufficio stampa

Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro
torna a inizio pagina