Aprire nuove attività commerciali e artigianali a Cascina: niente Cosap per 2 anni

Continua l’azione rivolta ad incentivare l’apertura di nuove attività commerciali e artigianali su tutto il territorio di Cascina – commenta il vicesindaco Dario Rollo. Dopo aver stanziato risorse per 3 anni per un totale di 150mila euro erogando contributi a fondo perduto come rimborso del 50% dei canoni di locazione ai nuovi negozi che hanno aperto in centro storico e come quota per le ristrutturazioni dei locali delle attività esistenti, nell’ultimo Consiglio comunale è stato approvato il nuovo Regolamento Cosap che ha previsto ulteriori e numerose agevolazioni per il commercio e l’artigianato. Infatti, sono stati esclusi dal pagamento del canone di occupazione spazio pubblico, sia temporaneo che permanente, per i primi due anni, tutte le nuove attività commerciali o artigianali che apriranno sul territorio comunale, indipendentemente dalla zona. L’esclusione dal pagamento del canone nei primi due anni si estende anche ad attività già esistenti, nel caso di apertura di nuove unità locali alle quali sarà riconosciuta l’esclusione dal pagamento. Il periodo dei due anni di esclusione dal pagamento del canone di occupazioni permanenti/temporanee, che comunque devono essere autorizzate, decorre dalla data di presentazione della S.C.I.A. Inoltre è stato deliberato, in maniera permanente, l’esenzione dal pagamento del canone per le occupazioni in ampliamento a quelle già concessionate ai titolari degli esercizi commerciali e di somministrazione alimenti e bevande ubicati in Corso Matteotti per la collocazione di arredi urbani (c.d. Dehors), finalizzati alla promozione economico-turistica del centro storico di Cascina Capoluogo, in occasione del cartellone comunale eventi estivi. L’occupazione in ampliamento deve essere comunque richiesta e ottenuta specifica concessione. Si è prevista l’esenzione della Cosap anche per i condomini che hanno fatto richiesta di occupazione permanente con contenitori dedicati alla raccolta “porta a porta”, solo per particolari casi e come previsto dall’Ordinanza Sindacale n. 57 del 12/11/2018. Oltre a prevedere esenzioni totali, si sono previste anche tariffe particolari per le occupazioni effettuate per l’installazione di giostre (luna park) e per la realizzazione di feste patronali/sagre e manifestazioni storiche. Per tutte le occupazioni, la concessione di suolo pubblico è rilasciata con la prescrizione che siano rispettate tutte le norme in tema di safety e security, in modo da garantire che le manifestazioni possano svolgersi sempre in sicurezza e senza pericoli. Sono state confermate le agevolazioni, previste anche lo scorso anno, quale la riduzione del canone del 50% della tariffa base per le occupazioni per attività promozionale a carattere commerciale (quale ad esempio mercatini e sagre, somministrazioni temporanee di alimenti e bevande) promosse o patrocinate dall’Amministrazione comunale in favore dello sviluppo del tessuto economico del Comune, quelle promosse da associazioni ed enti senza scopo di lucro e le occupazioni temporanee superiori a 15 giorni consecutivi. Insieme alle politiche economiche previste nel bilancio approvato qualche giorno fa e alle azioni condotte fino ad oggi sin dall’insediamento, questa è la dimostrazione di un’azione politica volta ad incentivare le attività commerciali e artigianali e offrire sempre maggiori incentivi e aiuti a tutte i soggetti che si impegnano nell’organizzazione di eventi culturali, sociali, sportivi e di promozione turistica sul territorio – conclude Rollo.

Fonte: Comune di Cascina - Ufficio Stampa



Tutte le notizie di Cascina

<< Indietro

torna a inizio pagina