Reddito di maternità, il 'Popolo della Famiglia' raccoglie le firme nel Pisano

L’indennità di maternità viene istituita per le madri italiane prive di reddito, che decidono di dedicarsi in modo esclusivo alla famiglia e alla crescita dei figli.

Tale indennità è pari a 1000 euro al mese per otto anni di vita del figlio: 96.000 euro netti, privi di carichi fiscali o previdenziali, rinnovabili alla nascita di un nuovo figlio. Alla nascita del quarto figlio l’indennità riconosciuta alla madre diventa vitalizia. L’indennità è vitalizia anche in caso di nascita di figlio disabile.
Il Popolo della famiglia, attraverso il Reddito di maternità, riconosce l’insostituibile ruolo sociale della donna madre, che lavora 365 giorni l’anno per dare all’Italia un futuro. La donna potrà finalmente scegliere se lavorare esternamente o restare in famiglia ad accudire i figli senza che questa scelta gli venga imposta dalle circostanze.

Il crollo della natalità in Italia è un problema ampiamente sottovalutato ma che può avere conseguenze devastanti per la tenuta del welfare e per l’intero sistema sociale.

E’ per questo motivo che il Popolo della Famiglia ha depositato il 9 Novembre del 2018, presso la Corte Suprema di Cassazione, la legge di iniziativa popolare del “Reddito di maternità”.

Dal 28 Novembre è iniziata in tutta Italia la raccolta di firme presso molti Comuni e piazze cittadine tramite i gazebi. Ora è possibile firmare anche a Pisa, Buti, Bientina, Calcinaia, Ponsacco, Pontedera, Lari, Santa Maria a Monte, Castelfranco presso gli uffici elettorali del Comune.

Tutti coloro che possono autentificare le firme (consiglieri, assessori , notai, giudici di pace, segretari comunali e provinciali etc) e che sono sensibili a questo problema, sono invitati a collaborare col Popolo della Famiglia per rendere il nostro sforzo più fruttuoso. La raccolta firme finisce a fine Marzo, e con 50.000 firme la legge approderà in Parlamento.

E’ possibile contattare il Popolo della Famiglia di Pisa scrivendo all’indirizzo mail pdf.pisa.toscana@gmail.com.



Tutte le notizie di Pisa

<< Indietro

pubblicità
torna a inizio pagina